Ilaria Capua, il monito della virologa: “Non ci libereremo presto del Coronavirus”

“Continuare a proteggere le persone fragili”: questa l’esortazione di Ilaria Capua, secondo cui “con i test sierologici si potrà ricominciare a uscire”. 

“Mi dispiace dirvelo ma di questo virus non ci libereremo presto, quindi sta a noi gestirne la circolazione e riportare i livelli sotto controllo”: usa parole schiette e dirette, per quanto difficili da mandar giù, la nota virologa Ilaria Capua, intervistata da Riccardo Luna durante la trasmissione live streaming su Repubblica.it “Risorgimento digitale, Maestri d’Italia”.

Leggi anche –> Ilaria Capua preoccupata: “In Lombardia il Coronavirus ha un comportamento anomalo”

Leggi anche –> Ilaria Capua, chi è la nota virologa: carriera e vita privata 

“Quando parliamo di riaperture – puntualizza poi l’esperta – bisogna fare un ragionamento al contrario, ovvero non pensare a chi esce ma a chi deve ancora rimanere a casa. Dobbiamo protegge le persone fragili ma assicurare loro una vita dignitosa. Poi una volta che ci saranno test sierologici capillari e rappresentativi, allora si potrà parlare di chi esce”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’appello della scienziata Ilaria Capua

La situazione di emergenza creata dal Coronavirus è “carica di energia distruttiva ma anche di energia generativa: dobbiamo essere in grado di fare i conti con la distruzione e la devastazione e al tempo stesso essere pronti a cavalcare determinate opportunità”, rimarca Ilaria Capua. “E l’opportunità, che credo sia un’opportunità unica che questa emergenza porta con sé, è che noi possiamo riavvicinare le persone alla scienza perché le persone sono diventate curiose, perché le persone voglio capire, le persone vogliono potersi fare una opinione e questo secondo me è un momento magico”. Sta a noi, ora, approfittarne.

EDS