La deputata no vax Sara Cunial: “Sperimentazioni vaccino Covid sull’uomo? Da nazisti”

La deputata No Vax Sara Cunial ha apertamente attaccato il virologo Roberto Burioni per la proposta di sperimentare un vaccino sui militari.

In questa settimana si è tornati a parlare di Sara Cunial, deputata del gruppo misto tempo fa cacciata dal Movimento 5 Stelle, per la gita nel giorno di Pasquetta. La parlamentare è stata bloccata dalla municipale in via del mare mentre si dirigeva verso Ostia. Oggi però a far parlare non è la violazione del divieto, bensì un lungo post che la Cunial ha pubblicato su Facebook.

Leggi anche ->Riapertura Italia: la proposta di Burioni per la fine della quarantena

In questo viene contestata apertamente la proposta del virologo Roberto Burioni di effettuare una sperimentazione su soggetti sani e vaccinati al fine di accelerare i tempi di ricerca. La parlamentare mostra attraverso screenshot alcuni passi della proposta dell’esperto e chiede al governo di prendere le distanze dall’accademico. A suo avviso, infatti, è un atto criminale: “consentire una sperimentazione scientifica eticamente discutibile, su soggetti sani, infettandoli di proposito per verificare il funzionamento del farmaco”.

Leggi anche ->L’annuncio dalla Gran Bretagna: Vaccino Coronavirus pronto a settembre

Sara Cunial attacca Burioni: “Sperimentazione sull’uomo, una pratica nazista”

Continuando la propria invettiva social, la parlamentare non esita a paragonare la proposta del virologo alle pratiche naziste, oltre che contraria: “non solo ai principi sulla sperimentazione scientifica medica della Dichiarazione di Helsinki del 1964 e da quelli scaturiti dall’esperienza nazifascista che hanno portato alla scrittura del Codice di Norimberga, ma anche alla nostra Costituzione”.

Nella parte successiva del post, la Cunial dice di voler approfondire “i conflitti d’interesse dell’Oms” e le “relazioni tra i vaccini ed il virus”. A suo avviso infatti il legame tra le due cose sarebbe evidente soprattutto a Bergamo e Brescia dove le vaccinazione sono state somministrate in maniera diffusa. Infine chiede ulteriori rassicurazioni prima di procedere all’implementazione del 5G in Italia.