I fidanzati uccidono mamma e sorellina: “Lei voleva che ci lasciassimo”

Hanno freddamente ucciso due familiari che avevano osato opporsi alla loro relazione, dopo di che si sono messi a guardare Twilight: ecco il retroscena di quanto messo in atto da una coppia di fidanzati adolescenti. 

Hanno ordito e, purtroppo, messo in atto un folle piano di morte: due giovani fidanzati inglesi, Kim Edwards e Lucas Markham, sono tristemente entrati nella storia come una delle più giovani coppie ad aver commesso un omicidio premeditato in Gran Bretagna. A farne le spese sono state la madre e la sorellina di lei.

Il drammatico episodio risale al 2017, ma solo ora sono emersi nuovi inquietanti dettagli sul movente del delitto. La donna uccisa si sarebbe opposta alla relazione dei due adolescenti e per questo sarebbe stata punita, assieme all’altra vittima innocente. Dopo averle uccise, i due, come nulla fosse, hanno fatto sesso, quindi una doccia (anche per pulirsi dal sangue) e infine si sono messi in poltrona a guardare il quarto film della saga fantasy Twilight.

Leggi anche –> Mollie Fitzgerald | ha ucciso la madre | aveva recitato in Capitan America 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’orrendo delitto dei due giovani fidanzati

Il duplice omicidio di Elizabeth Edwards, 49 anni, e della figlia 13enne Katie è avvenuto a Spalding, Lincolnshire, nell’aprile 2017. Kim Edwards ed il fidanzato Lucas Markham, entrambi 14enni, avevano cenato con le due vittime come qualsiasi altra sera e avevano atteso che si mettessero a letto. Kim si è accertata che la madre e la sorella stessero dormendo, quindi ha chiamato il fidanzato e insieme le hanno uccise con diverse coltellate.

A interrompere la visione di Twilight è stata la Polizia, chiamata tempo prima dai vicini insospettiti dai rumori provenienti dalla casa. Gli agenti hanno bussato alla porta, ma non ricevendo alcuna risposta hanno forzato l’ingresso e hanno trovato i due ragazzi serenamente distesi a vedere la televisione, mentre al piano di sopra le due vittime giacevano prive di vita nei loro letti. La ragazzina è stata poi processata e condannata a 20 anni di reclusione (pena successivamente ridotta a 17 anni e mezzo per entrambi).

EDS