Il dolore di Cristiana: “Il Coronavirus ha ucciso mio padre e mio marito”

“Il Coronavirus ha ucciso mio padre e mio marito”, lo sfogo di dolore di Cristiana Magni, rimasta orfana e vedova in pochi giorni.

(Facebook)

Cristiana Magni, 37enne di Treviglio, ma residente a Brignano Gera d’Adda (Bergamo), è rimasta prima orfana di padre e poi vedova. Una vicenda terribile la sua, ma simile a molte altre.

Leggi anche –> Sangue dei guariti per trattare il Coronavirus | dalla Cina risultati incoraggianti

A strapparle gli affetti più cari è stato il Coronavirus: suo marito si chiamava Claudio Polzoni, aveva 46 anni ed era un appuntato dei carabinieri in servizio a Bergamo.

Leggi anche –> Coronavirus, ancora buone notizie: giù contagi e terapie intensive

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Rimasta orfana e vedova per colpa del Coronavirus: lo sfogo di Cristiana

La donna ha raccontato il suo dramma al quotidiano L’Eco di Bergamo: “Un ultimo sguardo prima che salisse sull’ambulanza, poi non l’ho più visto”. Anche lei positiva al virus, Cristiana Magni oggi è rimasta solo con sua figlia Anna, che ha 10 anni. “Tutto è cominciato quando il papà ha iniziato a stare molto male. Lo hanno ricoverato ma non c’era posto in terapia intensiva e il solo ossigeno poteva non bastare”, racconta spiegando che almeno al padre ha detto “ti voglio bene”.

Diversa la situazione per quanto riguarda il marito, in servizio fino al 29 febbraio. Quando è morto il suocero, si è preso qualche giorno per restare con la moglie, poi il 5 marzo ha scoperto la malattia. La vedova racconta il dramma, la prima chiamata dell’ambulanza, il medico che sostiene che il ricovero non sia necessario: “Col senno di poi avrei dovuto impormi, urlare, fargli capire che sbagliava, ma ho rispettato la decisione del medico. E ora me ne pento”. La situazione precipita e arriva il ricovero, il 13 marzo, prima all’ospedale di Treviglio e quindi trasferito d’urgenza al Policlinico di San Donato Milanese. La donna e la figlia non l’hanno più visto: il 19 marzo il decesso. La vedova è rimasta sola con la figlia: “È lei che fa coraggio a me. È tutto quello che ho”, spiega.