Esame di maturità, ecco come cambia a causa del Coronavirus

Coronavirus Italia scuole

Il prossimo 18 maggio, a quanto pare, si decideranno le sorti dei tanti studenti (e insegnanti) italiani la cui quotidianità è stata stravolta dall’emergenza Coronavirus. 

Quale futuro si prospetta per il mondo della scuola italiana con la pandemia da Coronavirus in corso, e nella sua fase più acuta? Secondo il Corriere della Sera, sono due i possibili scenari. Ed entrambi hanno una data come spartiacque: il prossimo 18 maggio. Vediamoli da vicino.

Leggi anche –> Scuola Coronavirus: chiusura prorogata oltre il 3 aprile – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’effetto Coronavirus sul mondo della scuola

La giornalista Gianna Fregonara, esperta in materia, spiega che nel decreto che arriverà in Consiglio dei ministri domani, venerdì 3 aprile, c’è un primo scenario che prevede cosa succederebbe se si tornasse nelle classi il 18 maggio. In questo caso sarebbe possibile, nonostante i tempi strettissimi, l’ammissione all’anno successivo con debito, un esame di terza media con l’eliminazione di una o più prove e una Maturità con la seconda prova disposta dalla singola commissione.

Se invece dovesse saltare il termine del 18 maggio saltasse – e secondo molti è questo lo scenario più probabile -, slitterebbe di conseguenza anche il ritorno a scuola, per cui l’esame di terza media verrebbe sostituito da una semplice valutazione finale, mentre la maturità si ridurrebbe a una sola prova orale. Poi, appuntamento ai primi giorni di settembre, per l’inizio di un nuovo anno scolastico. In tutto questo sono in dubbio anche i concorsi per gli insegnanti: secondo le prime anticipazioni sarebbero ad altissimo rischio di rinvio, e i tal caso scatterebbe il ricorso massiccio alle supplenze.

Leggi anche –> Scuole chiuse: maturità e pagelle ai tempi del Coronavirus

EDS

Maturità Seconda Prova