Covid 19 Italia | l’Iss contro l’Imperial College | “Stime senza senso su di noi”

0
2

Il britannico Imperial College spara numeri grossi in merito alla situazione Covid 19 Italia, e l’Istituto Superiore di Sanità nostrano replica.

covid 19 italia
Crisi sanitaria Covid 19 Italia FOTO Getty Images

Negli ultimi giorni l’Imperial College di Londra aveva affrontato la situazione Covid 19 Italia parlando di quasi il 10% della nostra popolazione affetto da Coronavirus. Dati che però il dottor Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, contesta.

LEGGI ANCHE –> Covid 19 Emilia Romagna | a Parma Pronto Soccorso finalmente vuoto

“Pur stimando i colleghi inglesi, penso che la stima da loro fornita sia alquanto improbabile. Si tratterebbe di ben 6 milioni di persone circa, davvero fuori dalla realtà”. Questo perché un numero così elevato di eventuali individui infetti comporterebbe degli effetti concreti nell’immediato, ovviamente in negativo”. Il dottor Rezza aggiunge: “Se abbiamo poco più di 70.000 casi positivi, anche volendo moltiplicarli per dieci arriveremmo a 700mila. Quindi ampiamente sotto al milione, che è di certo ben diverso che gestire eventuali ipotetici 6 milioni di contagiati da Coronavirus in Italia”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Spagna | numeri drammatici | “Tantissimi i morti”

Covid 19 italia, l’ISS smentisce gli studiosi britannici

“E poi occorre considerare che la maggior parte dei contagi nel nostro Paese ha avuto luogo al Nord, in Lombardia. Difatti le statistiche inerenti le persone infette e quelle morte per via del Coronavirus rappresentano in pratica la metà di quelli su scala nazionale. L’Imperial College ha fornito una media nazionale ma denota una relativa carenza di informazioni in merito al nostro Paese. I suoi esperti dovrebbero confrontarsi con chi lavora sul campo e ne sa sicuramente di più. Gli esperti inglesi non sanno che la nostra situazione varia moltissimo di regione in regione”.