Contagio Covid, Pepe Reina rivela: “Ho avuto paura, non respiravo più”

0
2

L’ex portiere di Napoli e Milan, Pepe Reina, rivela al ‘Corriere dello Sport’ di aver temuto per la propria vita quando ha contratto il Coronavirus.

Tra i numerosi calciatori che hanno contratto il Coronavirus c’è anche Pepe Reina, ex portiere di Napoli e Milan (tra le altre). L’estremo difensore spagnolo è in auto isolamento a casa da 18 giorni ed ora intravede la luce in fondo al tunnel. Le sue condizioni di salute sono migliorate ed ora si trova fuori pericolo. A raccoglierne la testimonianza ci ha pensato il ‘Corriere della Sera‘, al quale Pepe ha raccontato di aver vissuto momenti di grande timore.

Leggi anche ->Dybala, parla la fidanzata: “I polmoni non funzionavano bene. Nuovo tampone il 31”

I primi sintomi del contagio si sono fatti sentire proprio 18 giorni fa. Il calciatore racconta: “Isolato lo sono stato dopo aver accusato i primi sintomi del virus. Febbre, tosse secca, un mal di testa che non mi abbandonava mai, quel senso di spossatezza…”. L’unico momento di vero terrore lo ha provato quando gli è mancata l’aria: “L’unico spavento quando per venticinque minuti mi è mancato l’ossigeno, come se la gola si fosse improvvisamente ristretta e l’aria non riuscisse a passare… I primi sei, otto giorni li ho trascorsi chiuso in una stanza”.

Leggi anche ->Rugani, Michela Persico confessa: “Sono incinta, la vita ci ha tradito” – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Reina sta meglio, la quarantena? Non è mai solo

Passati i primi giorni da solo in una stanza, Reina adesso sta meglio e non ha nemmeno un sintomo. Ciò nonostante, visto che in Gran Bretagna vige il lockdown, dovrà rimanere in casa anche oltre i giorni necessari ad escludere il contagio di altre persone. Rimanere in casa non lo spaventa, perché accanto a lui c’è tutta la famiglia: “La compagnia non mi manca, siamo io, mia moglie Yolanda, cinque figli e i due suoceri. La casa è grande e la solitudine non vi ha accesso”. Insomma il peggio è passato, adesso non resta che attendere che la pandemia venga sconfitta.