Home News Coronavirus, 2 aziende italiane avviano i test su 5 vaccini

Coronavirus, 2 aziende italiane avviano i test su 5 vaccini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:48
CONDIVIDI

2 aziende italiane di biotecnogie, Takis ed Evvivax, avviano i test su 5 vaccini per il Coronavirus: entro l’autunno sperimentazione su uomo.

(DOUGLAS MAGNO/AFP via Getty Images)

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, sono in prima linea nella ricerca di un vaccino contro il Coronavirus. Nei giorni scorsi, lo aveva spiegato Luigi Aurisicchio, CEO/CSO delle due aziende.

Leggi anche –> Coronavirus, rallenta il contagio: primo funerale in streaming

Aveva sottolineato: “Questa è una emergenza mondiale alla quale i ricercatori della Takis possono e debbono contribuire”. Oggi arriva un altro importante annuncio da parte delle aziende.

Leggi anche –> Vaccino Coronavirus, test sull’uomo entro un mese: “Dobbiamo fare in fretta”

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Vaccini Coronavirus: 2 aziende italiane in campo

(PIERO CRUCIATTI/AFP via Getty Images)

Sono infatti partiti i test preclinici di cinque vaccini: i test, autorizzati dal ministero della Salute e condotti su topi, prevedono una prima iniezione, seguita da un richiamo. Successivamente Takis e l’Istituto Spallanzani di Roma ne analizzeranno i risultati. Lo afferma Aurisicchio all’Ansa, rilevando: “Selezioneremo quello che si dimostrerà più potente nell’indurre anticorpi anti-Covid 19”. La sperimentazione sull’uomo potrebbe avvenire il prossimo autunno.

Si tratta di vaccini che si basano sulla tecnologia chiamata elettroporazione, ovvero all’iniezione segue un brevissimo impulso elettrico che facilita l’ingresso del vaccino nelle cellule, così si attiva il sistema immunitario. Emanuele Marra, Direttore Area Malattie Infettive alla Takis, aveva in precedenza spiegato: “Le nostre tecnologie si basano su tecniche di ingegneria genetica e sull’uso di virus e frammenti di DNA che possono essere usati sia per terapia genica che per vaccinare”.