Home News Covid 19 Italia | Pregliasco | “Il Coronavirus si sposterà al Sud”

Covid 19 Italia | Pregliasco | “Il Coronavirus si sposterà al Sud”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:05
CONDIVIDI

Il virologo Pregliasco dell’Università di Milano avverte le Regioni del Meridione. “Il Covid 19 Italia si sposterà, serve attrezzarsi”.

Covid 19 Italia
Emergenza Covid 19 Italia prossima a spostarsi al Sud per il professor Pregliasco Foto dal web

Il dottor Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, è dell’idea che l’epidemia da Covid 19 Italia “si sposterà presto al Sud. Il Meridione deve attrezzarsi subito perché la nuova frontiera dell’epidemia sarà lì entro beve. Ad oggi i focolai lì sono più contenuti ma serve che le regioni interessate traggano un insegnamento da quanto accaduto al Nord”.

LEGGI ANCHE –> Covid 19 Italia | in Lombardia “passato il picco” ma tanti i morti tra i medici

“Ed occorre prepararsi in tempo al peggio ed al pericolo di una ondata di Coronavirus. Il fatto di vedere a focolai comunque circoscritti lascia sperare che le cose possano restare tutto sommato sotto controllo. Dalle Regioni meridionali arrivano di continuo delle segnalazioni della necessità di implementare le dotazioni di dispositivi di protezioni individuale, come le mascherine. Protezioni individuali che sono spesso insufficiente”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Ha 14 la vittima più giovane da Coronavirus | dove è morto

Covid 19 Italia, Pregliasco: “In Lombarda necessari altri 15 giorni di stop”

Il Covid 19 Italia al Settentrione si è sviluppato in maniera subdola, poi ha rallentato ed ora sta avendo un repentino sviluppo verticale. Almeno per un’altra settimana servirà assolutamente che la gente rimanga chiusa in casa. Poi, quando arriverà finalmente il momento di ‘riaprire’ l’Italia, servirà farlo in maniera graduale e non tutto e subito. In particolar modo per quanto riguarda le aziende, dove bisognerà favorire l’utilità sociale delle produzioni. Inoltre andranno protette le fasce di popolazione più debole, come gli anziani ed i malati”. Invece in Lombarda Pregliasco dice: “Lì servono ancora altri 15 giorni di blocco. Verso metà aprile sarà magari possibile pensare ad una riapertura a scaglioni e mirata. Ai pronto soccorso servirebbe mettere delle postazioni con mascherine in attesa di una nuova ondata di contagi. Non possiamo infatti escludere che ci possa essere. Il virus non sparirà di colpo. L’aumento percentuale in Lombardia pare essersi stabilizzato nonostante alcune località preoccupino, tra cui Milano. A Roma infine il blocco sembra funzionare”.

LEGGI ANCHE –> Dramma Coronavirus | suicida il ministro tedesco Thomas Schafer