Home News Il caso di Ferrera Erbognone, il paese lombardo senza casi di Coronavirus

Il caso di Ferrera Erbognone, il paese lombardo senza casi di Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:07
CONDIVIDI

Gli studiosi stanno esaminando il caso di Ferrera Erbognone, paese lombardo di appena 1000 anime in cui non c’è stato nemmeno un caso di Coronavirus.

Nella Lombardia messa in ginocchio dalla pandemia di Coronavirus, c’è un’eccezione che dà speranza. Il paesino di Ferrera Erbognone, provincia di Pavia, è l’unico della zona in cui non si sono verificati casi di contagio. Probabilmente si tratta di una serie di fattori, tra cui la presenza di soli 1000 abitanti. Ciò nonostante l’eccezione ha destato interesse da parte della comunità scientifica, alla ricerca di una strada per bloccare il contagio e uscire da questa crisi sanitaria.

Leggi anche ->Matteo Renzi, proposta choc: “Riapriamo tutto o la gente morirà di fame”

L’ipotesi su cui si vuole lavorare è la possibile presenza nel sangue degli abitanti di anticorpi in grado di contrastare il Coronavirus. L’Istituto Neurologico Mondovino di Pavia ha infatti deciso di effettuare un’esame ematico su un campione di abitanti, nella speranza che questo possa dare i risultati sperati.

Leggi anche ->Ragazzo non rispetta l’obbligo di quarantena e infetta 11 persone

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, la speranza di Ferrera Erbognone

In seguito all’approvazione di un’apposita delibera, il sindaco del paesino lombardo, Giovanni Fassina, ha fatto diffondere un avviso alla cittadinanza. Ognuno dei cittadini è libero di prestarsi volontariamente all’esame del sangue fino al prossimo 2 aprile. A spiegare il perché di questo studio, è stato il direttore dell’Istituto Mondovino: “Abbiamo scelto Ferrera Erbognone perché si tratta di una comunità in cui non si è ancora verificato un caso di contagio da coronavirus: di conseguenza lo studio di popolazione potrebbe fornirci risultati di una certa rilevanza che poi andranno condivisi con i virologi del Policlinico San Matteo e con il comitato scientifico della Regione Lombardia”.