Home News Andrea Crisanti, chi è: età, carriera, vita privata del virologo

Andrea Crisanti, chi è: età, carriera, vita privata del virologo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:26
CONDIVIDI

Andrea Crisanti è un noto virologo, impegnato in prima linea nella ricerca di una soluzione al Coronavirus. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Andrea Crisanti è un virologo di fama internazionale, Direttore del dipartimento di Medicina Molecolare e professore di Epidemiologia e Virologia presso l’Azienda Ospedaliera dell’Università di Padova. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Il virologo Crisanti: “In Italia ci sono almeno 450 mila casi di Coronavirus”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Andrea Crisanti

Andrea Crisanti, classe 1954, si è laureato in Italia presso l’Università La Sapienza di Roma. Ha poi conseguito un dottorato di ricerca al Basel Institute for Immunology e un post-dottorato presso il Center for Molecular Biology (ZMBH) dell’Università di Heidelberg. Nel 1994 Crisanti è diventato docente all’Imperial College di Londra, prima di essere nominato professore nel 2000. È anche direttore del Centro di genomica funzionale dell’Università di Perugia. È autore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche su importanti riviste scientifiche, tra cui Science e Nature. All’Imperial College Crisanti ha coodinato importanti ricerche sulla malaria, mediante lo sviluppo di zanzare geneticamente modificate. Grazie ai suoi studi è stato per la prima volta possibile bloccare la capacità riproduttiva di un organismo complesso in laboratorio.

Nel 2011, Crisanti è stato nominato caporedattore della rivista medica Annals of Tropical Medicine and Parasitology, che ha poi contribuito a rilanciare. E’ presidente del gruppo scientifico del programma Marie Curie dell’UE, I-Move, e ha fornito consulenza su questioni relative alla sicurezza degli insetti geneticamente modificati per il Consilium Pontificium della Città del Vaticano e l’Auorità per la sicurezza alimentare europea. Durante la pandemia di coronavirus del 2020 in Italia ha condotto analisi sui cittadini di Vò scoprendo che la maggior parte delle persone infette erano portatori asintomatici, ma in grado di diffondere il virus COVID-19.

Leggi anche –> Coronavirus, l’Italia senza tregua: quasi 900 morti in un giorno

EDS