Lamberto Boranga: chi è il portiere dei record e medico sportivo

0
1

Carriera e curiosità su Lamberto Boranga: chi è il portiere dei record ritirato dal calcio a 75 anni, campione di atletica master e medico sportivo

(screenshot video)

Quella di Lamberto Boranga, classe 1942, nato a Foligno, è stata una carriera e una vita incredibile:cresciuto nel Perugia, esordì in Serie A con la maglia della Fiorentina nel corso del campionato 1966-1967.

Leggi anche –> Pierfrancesco Copertino: il giovane portiere morto d’incidente stradale

Tante le squadre delle quali ha fatto parte, ma non solo: infatti mentre era calciatore professionista riuscì anche a laurearsi in Biologia e in Medicina.

Leggi anche –> Dramma nel calcio: morto portiere Nino Malandrino, feriti 2 compagni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Lamberto Boranga, l’ex portiere laureato in medicina

(screenshot video)

Lasciato il calcio, iniziò a praticare la professione e nel 1992 è divenuto medico sociale della squadra dilettantistica di Bastardo, paese nel perugino. In quella stagione avvenne un fatto inedito: a 50 anni suonati Lamberto Boranga fu praticamente costretto a tornare in porta, a causa dell’incredibile e concomitante infortunio di tutti i portieri in rosa. Fu il migliore in campo nella partita che disputò. Dopo l’addio al calcio, aveva continuato a tenersi in forma praticando atletica master. Il massimo risultato nel 2014 quando a 72 anni si laureò campione del mondo di salto in alto nella categoria over 70.

Ma non è l’unico risultato raggiunto in età adulta. Ad esempio, all’età di 66 anni, ritornò in campo con la maglia dell’Ammeto, squadra di Seconda Categoria umbra. Due anni dopo, arrivò un nuovo contratto con un’altra squadra di seconda categoria. Infine, nel 2018 è entrato nella rosa della Marottese, neonata società marchigiana di Terza Categoria. Giocò la sua ultima partita il 5 maggio contro il Villa Ceccolini: lasciò così definitivamente il calcio a 75 anni e 7 mesi. Qualche anno prima, nell’ottobre 2005, fece clamore una sua intervista rilasciata all’Avvenire, in cui denunciò il dilagare della cocaina nel mondo del calcio.