Home News Covid 19 Lombardia | perde intera famiglia “E poi nessuno mi ha...

Covid 19 Lombardia | perde intera famiglia “E poi nessuno mi ha controllato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:12
CONDIVIDI

Un uomo riferisce la sua assurda quanto gravissima vicenda relativa al Covid 19 Lombardia: “Sono stato nell’ospedale infetto, zero controlli”.

Covid 19 Lombardia
Gravissima vicenda legata alla situazione Covid 19 Lombardia FOTO viagginews

Una aspra polemica è sorta in merito ad una controversa situazione che riguarda la gravissima crisi Covid 19 Lombardia. Riguarda l’ospedale di Alzano, località in provincia di Bergamo, che è in assoluto la zona più colpita dal Coronavirus in Italia.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus vaccino | l’Aifa | “Serviranno almeno 2 anni”

Un residente del posto, tale Francesco Zambonelli, ha perso entrambi i genitori ed anche una zia a causa della malattia. “Dopo la scomparsa di mia madre, nessuno ci ha avvisato che nel reparto dove era ricoverata c’erano stati pazienti positivi”, afferma l’uomo all’edizione online del Corriere della Sera. La prima a morire era stata proprio la mamma di questo 55enne del Bergamasco. Poi sono morti nel breve volgere di pochi giorni il padre 85enne ed una zia, tutti positivi al Coronavirus. Emerge ora un dettaglio che sta scatenando delle polemiche. “L’ospedale di Alzano venne chiuso per un giorno e poi riaperto senza alcuna sanificazione”, riferiscono medici ed infermieri impiegati nella struttura.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Bollette luce e gas | calo da aprile | risparmio di 200 euro a famiglia

Covid 19 Italia: “Noi liberi di girare senza controlli dopo essere stati in quell’ospedale pieno di positivi al Coronavirus”

Zambonelli aggiunge. “Dopo la morte di mamma, avvenuta in quell’ospedale, abbiamo appreso che c’erano stati i primi casi di contagio proprio in quel reparto dove lei si trovava. Le avevamo fatto visita ogni giorno, ma nessuno né dell’ospedale né dell’Ats ci ha imposto di stare in quarantena ne ci ha chiesto con chi eravamo stati in contatto. Per giorni abbiamo potuto girovagare in totale libertà”. Una testimonianza molto grave relativa a controlli mancati e divieti probabilmente necessari non intrapresi. Il tutto accadeva a febbraio, proprio quando a Codogno emergeva la presenza del cosiddetto ‘Paziente Uno’ ed il comune del Lodigiano diventava il focolaio di origine del Covid 19 in Italia.

LEGGI ANCHE –> La curva dei contagi è tornata a salire, effetto dell’aumento dei tamponi