Coronavirus, drammatico record in Spagna: 769 morti in un giorno

0
2

Drammatico record di morti da Coronavirus in Spagna: sono stati registrati infatti 769 decessi in un giorno, il Paese iberico è in ginocchio.

(JOSE JORDAN/AFP via Getty Images)

Il bilancio delle vittime spagnole del Coronavirus è aumentato di  769 morti durante la notte, arrivando così  a 4.858 complessivi. Ma un alto funzionario sanitario ha affermato che l’aumento giornaliero del numero di vittime si sta stabilizzando.

Leggi anche –> Indulgenza di tutti i peccati | Papa Francesco soccorre il mondo affetto dal Coronavirus

La Spagna è seconda solo all’Italia per numero di morti per Coronavirus in tutto il mondo e il numero di persone infette nel paese è salito durante la notte a 64.059 da 56.188 di giovedì.

Leggi anche –> Boris Johnson positivo al Coronavirus, caos a Londra

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dramma della Spagna che lotta contro il Coronavirus

(Carlos Alvarez/Getty Images)

Il capo dell’emergenza sanitaria Fernando Simon una conferenza stampa ha spiegato: “Oggi abbiamo più morti di quelli registrati ieri, ma è anche vero che, in termini percentuali, l’aumento di oggi è all’incirca equivalente a quello degli ultimi tre giorni, in cui sembriamo vedere una chiara stabilizzazione”. L’aumento del bilancio delle vittime nelle precedenti 24 ore in termini percentuali è stato di circa il 19%, secondo un calcolo effettuato da Reuters.

La Spagna sta lottando per far fronte all’esplosione della pandemia, con uno stadio di calcio del Real Madrid utilizzato come negozio di forniture mediche e un quartiere fieristico a Madrid trasformato in un’area di test di massa. I pazienti continuano a fluire negli ospedali spagnoli, dove il personale affronta una carenza di dispositivi di protezione come le maschere.
Più di 9.400 operatori sanitari sono risultati positivi al virus, ha affermato Simon. Questo è circa il 15% di quelli infetti in Spagna. La Spagna ha esteso un blocco nazionale giovedì di altri 15 giorni al 12 aprile e ha dichiarato che stava combattendo una “vera guerra”. L’emergenza è iniziata il 14 marzo, con la chiusura di scuole, bar, ristoranti e negozi.