Home News Coronavirus: sale ancora il contagio in Italia, preoccupa la Lombardia

Coronavirus: sale ancora il contagio in Italia, preoccupa la Lombardia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:13
CONDIVIDI

Sale ancora il contagio da Coronavirus in Italia, preoccupa il dato della Lombardia: dopo giorni in decrescita, 2.500 i nuovi casi in Regione.

(Emanuele Cremaschi/Getty Images)

4.492 nuove persone in cura e 662 decessi in un solo giorno: non si arresta il Coronavirus in Italia anzi rispetto agli ultimi giorni il trend addirittura sale. Numeri preoccupanti soprattutto in Lombardia.

Leggi anche –> Scuole chiuse: maturità e pagelle ai tempi del Coronavirus

Ieri i casi complessivi di nuovi positivi erano stati 5.200, con 683 vittime e oltre mille guariti, dati che avevano fatto scendere a circa 3.500 il numero complessivo di nuove persone in cura.

Leggi anche –> Covid 19 Lombardia | la paura di Fontana | “Troppi contagi da ieri”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il Dato del Contagio da Coronavirus Regione per Regione

(CARLO HERMANN/AFP via Getty Images)

Tra le Regioni, preoccupa ancora molto la Lombardia: anche oggi, secondo quanto affermato dal presidente Attilio Fontana, ci sarebbero addirittura 2.500 casi in più. 387 le vittime, ha poi deto l’assessore Gallera. Il governatore lombardo ha evidenziato: “Dovremo valutare se è un fatto eccezionale determinato da qualche episodio particolare o se è un trend in aumento, il che sarebbe un po’ imbarazzante”. Da segnalare i 133 casi in più dell’Abruzzo, dove le vittime complessive salgono a 63, mentre nelle confinanti Marche i nuovi contagi sono 180, un trend costante, anche se diminuisce ancora la percentuale di positivi per campioni effettuati, oggi al 36%.

In Veneto, la notte scorsa sono morte 14 persone, 326 pazienti sono invece in terapia intensiva e i contagi totali hanno superato ora quota 7mila. Per l’infettivologo Massimo Galli, primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ospite a L’aria che tira su La7, il Veneto è comunque l’unica regione che non si è dimostrata “carente” in questa crisi. Tiene infine il dato pugliese: “Avevamo stimato una ondata di 2mila casi entro il 25 marzo, ne abbiamo registrati la metà”, ha evidenziato il professor Pier Luigi Lopalco, epidemiologo della task force della Regione.