Home News Coronavirus, Mutti aumenta gli stipendi e donazione all’ospedale di Parma

Coronavirus, Mutti aumenta gli stipendi e donazione all’ospedale di Parma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:31
CONDIVIDI

In piena emergenza Coronavirus il Gruppo Mutti ha deciso di venire incontro ai propri dipendenti con un aumento dello stipendio del 25%. 

“Abbiamo ritenuto fondamentale intervenire economicamente a supporto del territorio dove operiamo per dare il nostro sostegno a una struttura d’eccellenza che si trova a lavorare, tutto il giorno, in condizioni d’emergenza, impegnandosi in prima linea per la salute dei pazienti. Oggi, oltre alla vicinanza spirituale e al rispetto delle regole, alle strutture servono fondi per sostenere il loro operato e il nostro Paese. Chi può, deve intervenire”. Con queste parole Francesco Mutti annuncia la decisione di devolvere 500.000 euro all’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma che oggi, come tutte le strutture sanitarie nazionali e regionali, è in prima linea per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Ma non è l’unica novità.

Leggi anche –> Coronavirus, Lactalis premia i dipendenti che lavorano in piena emergenza 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La risposta del Gruppo Mutti al fenomeno Coronavirus

Il Gruppo Mutti sta predisponendo diverse donazioni a livello nazionale, tra cui l’invio dei suoi prodotti all’Emporio Solidale di Parma e all’Ospedale da Campo di Bergamo. “La necessità di un intervento – spiega ancora Francesco Mutti – si è resa evidente di fronte ai numeri che l’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma rileva ogni giorno e che rappresentano non solo pazienti ma nomi e volti delle famiglie oggi direttamente colpite dalla pandemia. Il Gruppo Mutti, da parte sua, è anche impegnato a garantire la disponibilità del bene primario del cibo, fondamentale come la salute”.

“Per questo – continua il manager – oltre all’attivazione di una copertura assicurativa extra relativa al Covid-19 per i dipendenti a tempo indeterminato e determinato, abbiamo disposto una maggiorazione del 25% sulla retribuzione di coloro che, anche in questi giorni, stanno permettendo alla nostra azienda e, al Paese stesso, la continuità produttiva. Intendo sia tutto il personale impiegato nel processo produttivo e nella logistica, sia i soggetti cooperativi del nostro indotto”. Una lezione di cui far tesoro.

Leggi anche –> Coronavirus, Giovanni Rana aumenta stipendi: +25% e polizza malattia

Leggi anche –> Coronavirus, Giorgio Armani converte gli stabilimenti: “Produrremo camici” 

EDS