Studente muore 2 settimane prima della discussione, conferita la Laurea

0
2

Uno studente di 29 anni è morto a Pisa a causa del Coronavirus. Avrebbe dovuto discutere la tesi tra due settimane, il rettore gli conferisce il titolo.

La cronaca di questi giorni è piena di storie che lasciano uno squarcio nel cuore. Tra queste si inserisce a pieno titolo quella di Christin Kandem Tadjuidje, studente 29enne che avrebbe dovuto conseguire la laurea in Agraria il prossimo 6 aprile. Il giovane, originario del Camerun, aveva concluso tutte le materie e consegnato la tesi di laurea al proprio relatore. Per lui si apprestava la fine di un percorso portato avanti con dedizione e sacrificio. Nei mesi precedenti, sicuramente, questo ragazzo aveva sognato, ipotizzato e pianificato il prossimo futuro.

Leggi anche ->Coronavirus Italia | l’Oms | “Il picco arriverà la prossima settimana”

Purtroppo per lui quei sogni e quei progetti non si potranno realizzare mai. Il ragazzo qualche settimana fa ha contratto il coronavirus. Ricoverato all’ospedale Cisanello di Pisa, città in cui ha affrontato il percorso di studi, le condizioni di salute del ragazzo sono presto diventate gravi, ma successivamente erano migliorate. Christin, però,  si è spento la notte tra il 22 ed il 23 marzo dopo una riacutizzazione della polmonite interstiziale, due settimane prima della discussione della sua tesi di laurea.

Leggi anche ->Coronavirus Italia | medici e materiale sanitario in arrivo dalla Cina

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Studente muore prima di ricevere la laurea, il rettore gliela conferisce lo stesso

La notizia della morte dello studente d’Agraria è stata data in anteprima dall’Associazione Studenti Camerunensi di Pisa, sulla cui pagina si legge: “Soffrendo di polmonite acuta, è stato trasportato all’ospedale Cisanello il 14 marzo. Negli ultimi giorni la situazione era migliorata così tanto che gli era stato tolto il respiro assistito è morto durante la notte tra il 22 e il 23 marzo durante una crisi improvvisa“. Appresa la triste sorte del laureando, il rettore dell’Università di Pisa ha deciso di conferire il titolo di laurea allo studente camerunense. Un gesto di vicinanza alla famiglia e di rispetto nei confronti del ragazzo.