“Scienziati cinesi creano virus polmonare”, l’allarme del 2015 – VIDEO

0
7

L’allarme del 2015 venne ripreso anche da un servizio del Tgr Leonardo dell’epoca: “Scienziati cinesi creano virus polmonare”. Il video postato anche da Fiorello sul suo profilo Instagram ha fatto rapidamente il giro dei social. Cerchiamo di capire se c’è un nesso tra quel Coronavirus di cui si parla nel 2015 e quello che ha scatenato la pandemia oggi.

(Pedro Vilela/Getty Images)

Un virus polmonare creato in laboratorio da pipistrelli e topi, che serviva “solo per motivi di studio”. Un servizio del Tgr Leonardo, datato novembre 2015, tira in ballo un esperimento di laboratorio in Cina.

Leggi anche –> Coronavirus Italia: salgono i guariti, stabile il numero di decessi

Il servizio viene oggi rilanciato attraverso il suo canale Instagram da Fiorello, che sottolinea: “Il karma, la punizione divina! Stavamo esagerando… niente di tutto questo. Il servizio è del 2015!”.

Leggi anche –> Coronavirus, vaccino novità: “Pronto entro il prossimo autunno”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Virus polmonare creato in Cina: “Proteina pipistrelli su Sars”, interviene Burioni

(OMAR HAJ KADOUR/AFP via Getty Images)

Al di là della fonte, ovvero lo showman siciliano, basta fare una ricerca in rete per scoprire che lo studio venne addirittura pubblicato su Nature Medicine. Il virus veniva ottenuto combinando il Coronavirus scoperto in una particolare specie di pipistrello cinese con un altro che causa la Sars nei topi da laboratorio. All’epoca la comunità scientifica internazionale si chiese se ne valesse la pena. Simon Wain-Hobson, virologo presso l’Istituto Pasteur di Parigi, sottolineò: “Occorrerebbe chiedersi seriamente se le informazioni che possiamo ricavare da studi simili valgano il rischio che potenzialmente portano con sé”.

Poi l’allarme: “Se ci fosse una fuga di quel virus, anche minima, nessuno potrebbe predirne la traiettoria”. Rincarava la dose Richard Ebright, biologo molecolare ed esperto di biodifesa alla Rutgers University, in New Jersey: “L’unico impatto concreto che otteniamo da questo lavoro è la creazione, in laboratorio, di un nuovo rischio non naturale”. Illazioni e tesi che riemergono in queste ore e che il virologo Roberto Burioni, pubblicando una nuova e recente ricerca sull’origine di Covid-19, smentisce decisamente: “L’ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio. Tranquilli, è naturale al 100%, purtroppo”.

L'ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio.Tranquilli, è naturale al 100%, purtroppo.https://www.nature.com/articles/s41591-020-0820-9

Pubblicato da Medical Facts di Roberto Burioni su Mercoledì 25 marzo 2020

https://www.instagram.com/tv/B-Kh3ctKRXC/?igshid=viavg52wl7if&fbclid=IwAR1DpN7ndHaMeOvXMTd_cLxd6EDw-KRES1NcEmeZhzh9BoEms36Tlh7i4MI