Coronavirus, l’Aifa dà il via libera all’antiretrovirale usato per l’Hiv

0
5

Per i pazienti affetti da Coronavirus sarà resa disponibile l’associazione di due farmaci, Lopinavir/Ritonavir, utilizzata e autorizzata per il trattamento di infezioni da Hiv. 

L’Agenzia italiana del farmaco (Afa) ha reso disponibile in Italia per i soggetti che hanno contratto il Coronavirus l’associazione di due farmaci, il Lopinavir/Ritonavir, combinazione a dosi fissa utilizzata e autorizzata per il trattamento dell’infezioni da Hiv: in sostanza un antiretrovirale. Si tratta di un medicinale per uso ospedaliero ma che può essere utilizzato anche a casa.

La decisione era stata assunta già venerdì scorso dal comitato tecnico scientifico dell’Agenzia, per l’uso fuori indicazione, e oggi, anche alla luce della nuove evidenze di letteratura, è stata confermata.

Leggi anche –> Coronavirus farmaco | 4 estubati a Napoli grazie al Tocilizumab

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Una nuova speranza per sconfiggere il Coronavirus

Un primo studio randomizzato su 199 pazienti con Coronavirus era stato effettuato a Wuhan, in Cina, per testare l’efficacia della combinazione Lopinavir/Ritonavir, e non aveva evidenziato differenze nel tempo al miglioramento clinico e nella mortalità. Ma i soggetti presi in esame erano a uno stadio di malattia avanzato, mentre i protocolli attualmente in uso presso i principali centri clinici, nonché le più recenti Linee guida SIMIT Lombardia, ne prevedono l’utilizzo in fasi più precoci e in pazienti meno compromessi.

“Al momento – si legge in una nota dell’Aifa – non sussistano ragioni sufficienti ad escludere dalla rimborsabilità l’associazione Lopinavir/Ritonavir per il trattamento dei pazienti Covid-19”. La stessa Aifa si impegna inoltre a monitorare costantemente tutte le nuove evidenze che si renderanno disponibili nel tempo.

Leggi anche –> Avigan anti Coronavirus: arriva il via libera alla sperimentazione 

Leggi anche –> Coronavirus, uno studio rivela: “Almeno 40 mutazioni del virus” 

EDS