Il Veneto piange Andrea Ferrazzo, morto a 21 anni per una polmonite

Andrea Ferrazzo, di Musile di Piave in Veneto, da due anni in stato vegetativo a seguito di un incidente, è stato stroncato da una polmonite. 

Si è spento lo scorso venerdì a soli 21 anni per una polmonite, dopo due anni di calvario in stato vegetativo a causa di un incidente: era stato travolto in bicicletta mentre andava al lavoro. Se ne è andato così, all’ospedale di San Donà di Piave (Venezia), Andrea Ferrazzo, di Musile di Piave in Veneto, lasciando increduli estraziati dal dolore la sua famiglia, i suoi amici e un’intera comunità.

Leggi anche –> Polmonite | ceppo derivante dalla Sars fa il primo morto

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

La terribile sorte di Andrea Ferrazzo

Era il 23 novembre 2017 quando, alle 6.50 di mattina, Andrea, giovanissimo operaio metalmeccanico alla ditta Metacom, si stava recando al lavoro in mountain bike lungo la Provinciale 50 da Musile verso Fossalta di Piave, in via Argine San Marco Superiore. All’improvviso è stato centrato in pieno da una Skoda Felicia condotta da R. B., oggi 82 anni.

Arrivato in condizioni disperate all’ospedale di San Donà, Andrea è stato subito trasferito nella Rianimazione dell’Angelo di Mestre, dov’è rimasto per oltre un mese, sempre in lotta tra la vita e la morte. Poi è stato riportato nel reparto di Terapia Intensiva del nosocomio di San Donà, e infine a quello del Ca’ Foncello di Treviso. Il gravissimo trauma cranioencefalico e vertebro-midollare dorsale riportato lo ha condannato a uno stato vegetativo persistente, in stato di incoscienza, bisognoso di assistenza 24 ore su 24.

I genitori di Andrea, pur tra enormi difficoltà (comprese quelle economiche: non hanno ancora ricevuto un solo euro dall’assicurazione) sono sempre rimasti al suo fianco. A difendere i loro diritti è lo Studio3A-Valore Spa, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e tutela dei diritti dei cittadini. Intanto la Procura di Venezia ha aperto un fascicolo per il reato di lesioni personali stradali gravissime iscrivendo nel registro degli indagati l’automobilista che ha investito Andrea, e disposto una perizia cinematica per ricostruire le cause e la dinamica del drammatico incidente.

EDS