Home News Medico 85enne torna dalla pensione per aiutare i colleghi: “Non ho paura”

Medico 85enne torna dalla pensione per aiutare i colleghi: “Non ho paura”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27
CONDIVIDI

Il medico veneto Giampiero Giron ha dato la sua disponibilità a tornare in corsia per aiutare i colleghi in difficoltà contro il Coronavirus.

Sin da quando l’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione incontrollata del Coronavirus ha bussato ai nostri confini nazionali, si esalta giustamente il lavoro infaticabile dei medici. La stampa e il premier Conte li definiscono eroi e così la pensano anche milioni di italiani. D’altronde le vite di tutti sono da sempre affidate a loro e specialmente in questo momento difficile rimangono l’ultimo baluardo tra noi e questa temibile malattia.

Leggi anche ->Torna dalla pensione per aiutare, medico muore a causa del Coronavirus

Quando si sentono definiti “Eroi“, i medici si sminuiscono e spiegano che quello che fanno fa parte del loro lavoro. Forse tale sostantivo può suonare retorico, ma come altro chiamare delle persone che antepongono alla propria salute e ai propri affetti la salvaguardia degli altri. L’attaccamento a quel giuramento, a quel lavoro è quantomeno encomiabile. Lo dimostra la storia di Giampiero Giron, 85enne anestesista veneto che ha accettato di tornare in corsia per dare una mano ai colleghi.

Leggi anche ->Farmaco anti Coronavirus | l’Aifa prenderà una decisione oggi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Medico torna dalla pensione ad 85 anni: “E’ un mio dovere”

Intervistato dal ‘Corriere del Veneto‘, il medico in pensione ha spiegato al giornale che ritiene un dovere dare una mano in un periodo complicato. L’anestesista ha spiegato di aver ricevuto una richiesta da alcuni colleghi e di aver risposto subito presente: “Un paio di settimane fa  mi ha telefonato un primario padovano chiedendomi se, all’occorrenza, la Sanità pubblica potrà contare sulla mia esperienza. Da quel giorno vivo con il telefonino sempre a portata di mano”.

Sulle motivazioni che lo hanno portato a rispondere senza il minimo ripensamento, Giron non usa troppi giri di parole: “Lo ritengo un dovere: a prescindere dall’età, in questa fase i medici possono fare la differenza. Anche se il mio giuramento di Ippocrate risale ormai a tanto tempo fa, non ha scadenza”. Su chi, al contrario di lui, non dovesse sentirsela, il medico spiega: “Non giudico chi la pensa diversamente. Una cosa, alla mia età, l’ho capita: non c’è nulla di peggio che costringere qualcuno che non ne ha voglia a entrare in una sala operatoria”.