Home News Lucia Bosè: l’ex modella e attrice italiana morta di Coronavirus

Lucia Bosè: l’ex modella e attrice italiana morta di Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:54
CONDIVIDI

Si è spenta all’età di 89 anni l’ex modella e attrice italiana Lucia Bosè: morta di Coronavirus la madre del cantante Miguel Bosè.

(screenshot video)

Lutto nel cinema italiano: si è spenta a Segovia, in Spagna, dove viveva, l’attrice Lucia Bosè, vero nome Lucia Borioni, musa del regista Luchino Visconti e vincitrice del concorso Miss Italia a Stresa nel 1947. A quella storica edizione parteciparono anche Gina Lollobrigida, Silvana Mangano ed Eleonora Rossi Drago.

Leggi anche –> Piero Chiambretti devastato, morta la madre di Coronavirus

Il suo esordio al cinema avrebbe dovuto essere in Riso amaro ma l’opposizione della famiglia la costrinse a rinunciare alla pellicola. Fu comunque una delle protagoniste del neorealismo italiano.

Leggi anche –> Alex Baroni, morta la mamma del cantante di Coronavirus

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era l’attrice Lucia Bosè, morta di Coronavirus

Fu diretta da registi del calibro di Giuseppe De Santis, Michelangelo Antonioni, Luciano Emmer e Francesco Maselli. Sul set conobbe Walter Chiari, suo primo fidanzato. Lasciò il cinema a causa del suo matrimonio con il torero Luis Miguel Dominguín. La coppia ebbe tre figli, Miguel, Lucia e Paola. Il maggiore è un noto cantante, autore e interpreti di brani divenuti famosissimi. Le nozze civili furono celebrate a Las Vegas e quelle religiose in Spagna. Nel 1968 arrivò la separazione a causa dei continui tradimenti dell’uomo.

Lucia Bosè tornò sugli schermi alla fine degli anni sessanta in ruoli secondari di importanti pellicole dei Fratelli Taviani, Mauro Bolognini e Federico Fellini. Recitò ancora per Francesco Rosi, Maurizio Ponzi e Roberto Faenza. Attrice anche in molte fiction, tra cui Capri, in anni recenti ha ricevuto il Wilde Vip European Award per l’arte e la cultura, onorificenza conferita dalla Dreams Entertainment con l’Osservatorio Parlamentare Europeo.