Jack Lo Squartatore, dopo 130 anni l’identità: ritrovati diari del killer

0
11

Gli omicidi compiuti da Jack Lo Squartatore nell’East End di Londra all’inizio del secolo sono famosissimi e terrificanti. Per 130 anni l’identità rimane un mistero.

I crimini di Jack Lo Squartatore sono stati brutali e terrificanti e, per oltre 130 anni, la sua identità è rimasta un segreto. Il famoso serial killer si ritiene che sia stato responsabile per l’omicidio di 11 prostitute durante gli ultimi decenni del 1800. Gli omicidi dell’East End di Londra hanno terrorizzato i suoi abitanti e affascinato il resto del Paese per la brutalità: almeno 3 delle vittime hanno avuto gli organi interni rimossi.

Leggi anche -> Figlio uccide madre | 29enne la accoltella a morte dopo lite

Mentre era attivo nei suoi omicidi, la Polizia e i giornali ricevettero delle lettere da un uomo che affermava di essere l’assassino, in una di queste, per giunta, si diede da solo il nome di Jack Lo Squartatore. Gli omicidi però non sono mai stati risolti e sono rimasti nel folkore per oltre 130 anni. Degli 11 omicidi, almeno 5 sono considerati opera dello stesso uomo, che ha tagliato la gola a tutte le donne, per essere poi pugnalate più volte. A molte sono stati rimossi gli organi interni, prima di avere i visi sfigurati. L’identità del killer è sempre rimasta un mistero, anche se si ipotizzava potesse essere un gentiluomo o un chirurgo.

Leggi anche -> Omicidio Sarah Payne, gli errori commessi dall’assassino durante il rapimento

Dopo 130 anni, rivelata l’identità del famoso assassino

Il ritrovamento del diario di James Maybrick, un venditore di cotone di Liverpool, ha riaperto il caso. L’uomo in oltre 9000 parole ha descritto sei omicidi che ha compiuto alla fine del XIX secolo. Ha ammesso di aver ucciso una donna a Manchester e di aver trucidato 5 donne nell’East End di Londra. “Rivelo il mio nome cosicché la storia mi ricorderà. Vostro, Jack Lo Squartatore“. Oggi, gli esperti iniziano a credere che il diario possa essere vero.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!