Elementari sotto choc, muore la preside di Coronavirus pochi giorni dopo il test

0
6

La preside di scuola elementare è morta dopo essere risultata positiva al test per il coronavirus. I genitori sottovalutano la situazione.

La preside di scuola elementare è morta dopo essere risultata positiva al test per il coronavirus. Wendy Jacobs era direttrice della scuola elementare Roose di Barrow-in-Furness, Cumbria.
Le è stato diagnosticato il virus la scorsa settimana, quando è stata portata di corsa al reparto di terapia intensiva del Furness General Hospital, dove poi è morta. Non si sa se la donna avesse altre malattie di fondo. Alunni, genitori e insegnanti sono rimasti sconvolti, e hanno deciso di chiudere la scuola oggi: “Siamo tutti sotto shock, e date queste circostanze eccezionali abbiamo deciso di chiudere completamente la scuola e l’asilo domani a tutti gli alunni. La riapertura della scuola e dell’asilo al momento non è un’opzione possibile. Consigliamo a tutti di tenere i propri bambini in casa”. Ieri il numero dei morti per coronavirus in Regno Unito è salito di 48 persone in 24 ore, con vittime tra i 18 e i 102 anni. Il diciottenne è la vittima più giovane della Gran Bretagna finora. 78.340 persone sono state sottoposte al test per il coronavirus nel Regno Unito, e 5.683 pazienti sono risultati positivi.
Il primo ministro Boris Johnson ha detto che il governo è pronto a imporre restrizioni più severe per frenare la diffusione del coronavirus se le persone non seguono le indicazioni sulla distanza sociale. Il suo avvertimento è arrivato dopo che i parchi, le spiagge e le riserve naturali sono stati fotografati pieni di persone che si godono il sole di primavera durante il fine settimana.

Potrebbe interessarti anche –> Ragazza 20enne positiva al Coronavirus con sintomi del tutto diversi

Elementari sotto choc, muore la preside ma i genitori sottovalutano la situazione

Le scuole a cui è stato ordinato di chiudere venerdì, hanno poi ricevuto l’ordine di riaprire oggi per occuparsi dei bambini il cui lavoro dei genitori è “critico” nella lotta contro il coronavirus. I presidi sono stati “sopraffatti” dai genitori di due milioni di alunni, un quarto della popolazione scolastica totale del Regno Unito, che chiedono per i propri figli posti d’emergenza nelle scuole. Il capo della National Association of Headteachers, Paul Whiteman, ha dichiarato oggi: “Stiamo ricevendo notizie di una richiesta di posti travolgente. Questo non è mai stato il piano. Il piano è quello di occuparsi dei pochissimi che non hanno nessun altro posto dove andare, per aiutare ad arrestare la diffusione del virus. Il mio appello ai genitori di questi bambini è: se sei un lavoratore chiave e puoi farli restare lontano dalla scuola, ti prego fallo”. Agli insegnanti è stato dato il potere di chiedere ai genitori un documento d’identità e buste paga per dimostrare che sono “lavoratori chiave”, nel timore che molti mentiranno sul loro lavoro per poter lasciare i figli. I sindacati sostengono che i genitori che lavorano nelle catene di fast food, come McDonald’s, hanno chiesto un posto nelle scuole insistendo sul fatto di essere “lavoratori chiave”, utilizzando la definizione di “distribuzione di cibo” del governo nella sua controversa guida. Il Governo ha esposto la sua definizione di lavoratore chiave per combattere il coronavirus, ma molti credono che sia troppo vaga e sta lasciando molte scuole e genitori confusi su chi è idoneo.
Geoff Barton, segretario generale dell’Association of School and College Leaders, ha dichiarato: “La lista è piuttosto più ampia di quanto ci aspettassimo. Questo ha portato ad alcuni scambi difficili, con i genitori che dicono cose del tipo: “Io lavoro al McDonald’s, quindi è la produzione di cibo”. Se la vostra scuola è vicina a un grande ospedale, i figli degli operatori sanitari saranno la vostra priorità. Alcuni dirigenti scolastici hanno ricevuto lettere di avvocati. I direttori scolastici devono già prendere decisioni abbastanza difficili senza entrare in dispute con i genitori che pensano che un posto a scuola sia un loro diritto”. I lavoratori chiave sono designati come quelli che operano in settori quali il servizio sanitario nazionale, i trasporti, la catena di approvvigionamento alimentare, i servizi sociali, i ruoli governativi e di sicurezza nazionale. Gli insegnanti hanno detto che gli addetti ai negozi di animali, gli acquirenti di tappeti, le estetiste e persino i produttori di salsicce rivendicavano lo status di “lavoratori chiave”. I sindacati degli insegnanti hanno esortato le madri e i padri a “giocare pulito” o a rischiare una situazione che diventerà “impossibile da sostenere”. È stato fatto un appello alle aziende affinché non antepongano il “profitto alle persone” e si assicurino che i genitori possano lavorare da casa o programmare i loro orari in modo da potersi occupare dei bambini. Non ci si aspetta che la scuola prenda un normale registro delle presenze, ma le verrà chiesto di presentare un rapporto giornaliero che indichi se sono aperte e quanti bambini e personale sono a scuola, in modo che la capacità possa essere monitorata, ha detto il dipartimento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!