Home News Massimo Galli sui supermercati: “Devono rimanere aperti h 24”

Massimo Galli sui supermercati: “Devono rimanere aperti h 24”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02
CONDIVIDI

Massimo Galli spiega perché i supermercati devono rimanere aperti tutti i giorni tutto il giorno, così da permettere alle persone di diluirsi nel tempo.

Ospite di ‘Mattino 5‘, l’infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, ha spiegato che i supermercati devono rimanere in funzione tutto il giorno, tutti i giorni: “I supermercati dovrebbero essere aperti h24, con regole precise dal punto di vista del numero degli ingressi, per evitare gli assembramenti”.

Leggi anche ->Sindaco di Bergamo Gori ammette: “Avevo sottovalutato il problema”

Una scelta che all’esperto sembra logica, poiché se si riducono gli orari, gli assembramenti sarebbero ancora più cospicui di quanto non sono in questo momento: “Se io mi affaccio alla finestra di casa, vedo già persone in coda dalle prime ore del mattino per fare la spesa, che cercano di mantenere le distanze, ma che sono comunque in fila. Se si riducono gli orari, le persone non riescono a diluirsi. Per questo mi sembra l’ultima idea da portare avanti”.

Leggi anche ->Coronavirus, il governo chiude i parchi: “Si esce solo vicino casa”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Massimo Galli: “Ancora troppa gente va a lavorare”

Se la diminuzione degli orari di servizio dei supermercati è un’idea da scartare, diverso è il discorso riguardante un’ulteriore stretta sulle attività lavorative. Il Governatore della Lombardia ha chiesto al governo di permettere l’apertura solo alle industrie e alle aziende che lavorano nella produzione alimentare e sanitaria, chiudendo tutto il resto. Sulla richiesta è d’accordo anche Massimo Galli che durante la trasmissione di Canale 5 dice: “Ancora molte attività lavorative sono aperte: se non sappiamo in che condizioni sono le persone che, stando in casa tutto il resto della giornata, si muovo per andare a lavorare, è chiaro che continuiamo a perpetuare la circolazione del virus”.