Elena Santarelli, che imbarazzo: “L’hanno fatto davanti a tutti, all’aperto”

0
11

Elena Santarelli ha rivelato durante l’ultima puntata di ‘Italia sì’ l’esistenza di un video in cui si vede una coppia fare sesso all’aperto.

Si è parlato tanto nei giorni scorsi di cittadini che hanno violato il decreto sicurezza varato dal governo per contenere il contagio. Sotto accusa erano soprattutto i runner e le persone che si incontravano al parco come se ci si trovasse in una situazione normale. Per evitare che gli italiani continuassero con questi comportamenti pericolosi, ieri il governo ha emanato un altro decreto con il quale vieta l’attività sportiva nei parchi, nei giardini e nelle ville. Sarà possibile praticare sport all’aperto, ma solo vicino casa e mantenendo la distanza di sicurezza.

Leggi anche ->Amazon limita gli ordini in Italia: “Solo beni di prima necessità”

A quanto pare i parchi cittadini non sono stati usati solamente per le attività sportive. La denuncia è stata esposta questo pomeriggio da Elena Santarelli. La soubrette ha infatti rivelato a Marco Liorni e a tutti gli ospiti di ‘Italia sì’ l’esistenza di un video in cui viene ripresa una coppia in atteggiamenti molto intimi al parco dell’Eur, vicino al laghetto. Elena spiega ai presenti in studio ed al pubblico a casa: “Ho saputo da una mia amica, poco fa, che esiste un video di una coppia che oggi ha avuto un rapporto ses*uale in un parco qui a Roma…!”.

Leggi anche ->Coronavirus, in Lombardia più di 500 morti in un solo giorno

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Elena Santarelli: “Coppia sorpresa all’Eur”

Continuando il suo racconto, la Santarelli ha anche specificato dov’è avvenuto l’atto osceno in violazione non solo con la legge tradizionale ma anche con il decreto: “La coppia in questione è stata sorpresa precisamente nel parco dell’Eur, dove c’è il laghetto”. Il racconto ha lasciato senza parole il conduttore, ma anche gli opinionisti fissi della trasmissione. Tutti, da Rita Dalla Chiesa a Manuel Bortuzzo, hanno condannato il gesto d’irresponsabilità dei due giovani, ricordando loro che quello che hanno fatto è atto osceno in luogo pubblico.