Ragazza disabile violentata per 17 giorni sullo scuolabus prima che l’autista denunciasse

0
7

Una ragazza disabile è stata violentata su un autobus per 17 giorni consecutivi, prima che la situazione degenerasse in uno stupro e l’autista decidesse denunciarlo.

scuolabus

Una ragazza disabile è stata aggredita  su un autobus per 17 giorni consecutivi, da due studenti, prima che la situazione degenerasse in uno stupro e l’autista dell’autobus decidesse denunciarlo. Le presunte aggressioni, che coinvolgono altri due ragazzi disabili oltre la vittima, quattordicenne, si sarebbero verificate dal 5 al 20 aprile dell’anno scorso su un autobus della Fulton County School bus in Georgia. Uno studente si è presumibilmente spostato dal suo posto sul bus, che aveva solo tre o quattro file in quanto era stato progettato specificamente per le persone disabili, e ha palpeggiato la ragazza, riferisce “11Alive News”. Un secondo studente, “incoraggiato dalla mancanza di disciplina e di moderazione”, ha poi iniziato ad aggredire la ragazza in attacchi crescenti. La vittima è stata poi presumibilmente “spogliata nuda, maltrattata fisicamente e violentata”. Solo il giorno in cui la ragazza è stata stuprata, l’autista dell’autobus ha notificato al distretto scolastico tutto ciò che accadeva sull’autobus. Lee Parks, uno degli avvocati della famiglia della bambina, ha detto: “E’ stata spogliata nuda. Sull’autobus. L’autista del bus, dopo lo stupro, nel tentativo di denunciarlo, ha detto di aver visto qualcosa. Non ha detto cosa”, ha affermato Parks.

Potrebbe interessarti anche –> Bambino disabile | prete arrabbiato lo caccia dal catechismo

Ragazza disabile violentata e stuprata sull’autobus, 17 giorni prima della denuncia

“L’autista è stato allontanato immediatamente”, ha detto un portavoce delle scuole della contea di Fulton al “The Sun”. Gli avvocati hanno detto che la vittima di 14 anni ha la capacità mentale di un bambino di cinque anni. In una dichiarazione a “Channel 2 Action News”, il sistema delle scuole della contea di Fulton ha criticato gli avvocati per aver parlato con i media, rilevando la sensibilità dei presunti eventi che coinvolgono i minori: “Le accuse in questa denuncia sono estremamente gravi e riguardano il distretto. Poiché abbiamo a che fare con studenti minorenni, si tratta di una questione particolarmente delicata: dobbiamo permettere che le indagini in corso siano complete e rispettino la privacy di tutti gli studenti che si presume siano coinvolti. Vogliamo che il caso venga giudicato attraverso il processo legale, non cercando di ottenere vantaggi legali con dichiarazioni alla stampa o con l’esposizione dei fatti. Non è appropriato”. L’avvocato di famiglia ha detto che la vittima è tornata a scuola, ma separata dai ragazzi.

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!