Giuliana De Sio Coronavirus: “Focolaio dopo suo spettacolo” – VIDEO

0
9

Sotto accusa lo spettacolo di Giuliana De Sio a Santa Maria Capua Vetere: “Focolaio di Coronavirus dopo che ha recitato sul palco”.

Come noto, tra i personaggi noti che hanno contratto il Coronavirus c’è anche Giuliana De Sio, che oggi viene ‘chiamata in causa’ dal sindaco di Santa Maria Capua Vetere, Antonio Mirra.

Leggi anche –> Giuliana De Sio rivela: “Ho contratto il Coronavirus, la prova più dura della vita”

Questo ha affermato su Facebook: “La ricostruzione dei contatti spetta all’Asl, ma faccio notare che l’attrice ha raccontato di aver contratto il virus a metà febbraio ed è stata al teatro Garibaldi a Santa Maria Capua Vetere il 24 febbraio. A quello spettacolo erano presenti sia il paziente 1 che il paziente 2 ed anche una parte del nucleo familiare del paziente deceduto”.

Leggi anche –> Piero Chiambretti Coronavirus, il conduttore tv positivo subito ricoverato

(screenshot video)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

giuliana de sio

Sostiene il sindaco: “La mia idea è che quando un cittadino è positivo, specie un personaggio pubblico, deve comunicare subito la sua positività per permettere ai cittadini e all’Asl di ricostruire la rete dei rapporti. La mia città vive un momento difficile e non voglio attribuire responsabilità, ma i dati sono che lo spettacolo dell’attrice è stato il 24 febbraio e che i pazienti si sono sentiti poco bene tra fine febbraio e i primi di marzo”. Quindi conclude: “Vedremo se qualcuno aveva dei doveri e non li ha rispettati, mettendo a rischio spettatori che si sono fatti magari dei selfie con l’attrice e chi ha lavorato sul palco”.

L’attrice, indirettamente, replica a queste accuse: “Non ho mai avuto febbre alta, sempre a 37 e mezzo. E per circa 4 giorni. Poi ho chiamato il dottore. Se all’epoca vi fosse venuta una febbricciola come la mia, non vi sarebbe mai venuto in mente che poteva trattarsi di CoronaVirus. Un mese fa in Italia ancora non se ne parlava in questi termini, se non come di un virus che era diffuso in Cina”.