Home News Coronavirus, il governo chiude i parchi: “Si esce solo vicino casa”

Coronavirus, il governo chiude i parchi: “Si esce solo vicino casa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:20
CONDIVIDI

Il governo e la nuova ordinanza contro il Coronavirus, l’esecutivo Conte chiude parchi, ville e giardini pubblici: “Si esce solo vicino casa”.

Parchi chiusi a Bruxelles per il Coronavirus (KENZO TRIBOUILLARD/AFP via Getty Images)

Una nuova ordinanza del governo vieta “l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici”. Vengono dunque implementate, come peraltro preventivato, le restrizioni per i prossimi giorni.

Leggi anche –> Coronavirus, uscita dalla crisi è lontana: “Forse in estate”

Tra gli altri provvedimenti previsti, c’è lo stop a spostamenti verso seconde case nei festivi. Lo prevede una norma contenuta nell’ordinanza e riguarda anche i prefestivi. Verranno infine chiusi gli esercizi alimentari nelle stazioni ferroviarie.

Leggi anche –> Coronavirus Roma: stretta sui controlli e posti di blocco – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuove misure del governo contro il Coronavirus

(CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP via Getty Images)

Questi nuovi provvedimenti saranno validi da oggi fino al 25 marzo, data in cui poi verranno verosimilmente fatte delle nuove valutazioni. Come noto, la chiusura totale di molte attività commerciali scade infatti il 25 marzo. La stretta ulteriore riguarda anche gli spostamenti a piedi: chi vorrà farlo dovrà restare nei pressi della propria abitazione e sempre e soltanto da solo mantenendo il metro di distanza.

Intanto, arriva anche un importante annuncio di Francesco Boccia, ministro degli Affari Regionali: “Riusciamo come da proposta anticipata dal premier Conte ieri ad aprire un bando online, attivo da questo momento, per consentire a tutti i medici italiani che vogliono e possono aderire alla task force che Borrelli coordinerà da domani mattina”. Il bando è una vera e propria “chiamata alle armi della sanità, un’operazione mai fatta prima, ma bisogna rispondere subito perché dobbiamo chiudere in 24 ore”. Si cercano 300 medici volontari da inviare nelle zone maggiormente a rischio, Lombardia in primis.