Coronavirus, il governatore campano De Luca: “Chiudiamo tutto”

0
5

Di fronte all’emergenza Coronavirus il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, propone di dire “basta” alle “mezze misure” e di “militarizzare l’Italia”.

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, parla di un possibile picco di 3mila contagi a inizio aprile nella sua regione e annuncia due ordinanze: “La prima per la chiusura di tutti i cantieri, salvo quelli legati alle funzioni pubbliche essenziali e alle attività sanitarie”, la seconda per “l’interruzione delle attività di 550 comuni della Campania, salvo i servizi essenziali”.

De Luca si erge a fautore di una linea di massima intransigenza: “Io non sono d’accordo con il governo nazionale – spiega -: basta mezze misure, chiudiamo tutto, militarizziamo l’Italia”. Quindi l’ennesimo appello a restare a casa: “Bisogna chiudere tutto ciò che non è essenziale. Gli incivili sono una bomba che può esplodere in pochi giorni”.

Leggi anche –> Vittima più giovane di Coronavirus, muore donna di 27 anni poco dopo il parto 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La Campania alle prese con il Coronavirus

A oggi in Campania si registrano 750 contagi e 79 persone in terapia intensiva. La previsione dei tecnici è che entro il 29 marzo si arriverà a 1.500 contagi e a inizio aprile ci saranno 3mila persone positive e 140 soggetti in condizione da richiedere ricovero in terapia intensiva. Per questo il presidente campano dichiara di dover assicurare “il massimo di tutela più che per i malati per i medici e per gli infermieri”, aggiungendo che “se arriviamo non all’8%, ma 20-30% dei contagi tra il personale medico, salta tutto”.

De Luca ha poi rimarcato che c’è stato un aumento dei contagi in Campania per diverse ragioni: “Per il ritorno dei cittadini dal nord, ma anche per l’inciviltà, l’irresponsabilità e la bestialità di componenti rilevanti della nostra società”. Di qui il severo monito ai cittadini: “Se continua questo andazzo, conteremo i morti e rischiamo di non avere posti per ospitare i vostri padri e le vostre madri”.

Leggi anche –> Coronavirus, centinaia di morti: situazione disperata in Lombardia 

Leggi anche –> Coronavirus, uscita dalla crisi è lontana: “Forse in estate”

EDS