Revenant – Il Redivivo: trama, cast, curiosità sul film con Leonardo Di Caprio

0
8

Revenant – Il Redivivo: tutte le informazioni sul film che ha permesso di conquistare al protagonista Leonardo Di Caprio il premio Oscar.

revenant

Giovedì 19 marzo alle 21.30 su Tv8 andrà in onda Revenant – Il Redivivo, il film del 2015 di Alejandro González Iñárritu che ha permesso a Leonardo Di Caprio – fino a quel momento ignorato dall’Academy – di conquistare il Premio Oscar. Vediamo insieme tutte le notizie sul film.

Leggi anche –> Stasera in tv film | Attacco al potere – Olympus Has Fallen: cast e trama

Indice dei contenuti

Revenant: trama

ll film è ambientato in Dakota nel 1823. Un gruppo di cacciatori, guidati da Hugh Glass (Leonardo DiCaprio), viene attaccato dalla tribù nativa Arikara, che miete molte vittime.
Mentre cammina nel bosco, Glass viene attaccato da un orso grizzly e inizia a lottare con lui. Pur avendo la meglio rimane gravemente ferito e non può continuare il viaggio, cosicché il capo della spedizione decide di lasciarlo nel bosco.
. Glass è assistito dal figlio Hawk (Forrest Goodluck), da Bridger (Will Poulter) e dallo spietato cacciatore John Fitzgerald (Tom Hardy).  Quest’ultimo – che aveva accettato di vegliare su Glass in cambio di denaro – vuole ucciderlo. Il figlio Hawk viene brutalmente assassinato, cosa che restituisce a Glass la grinta per vendicarsi.

Cast

Del cast fanno parte Leonardo DiCaprio (Hugh Glass), Tom Hardy (John Fitzgerald), Domhnall Gleeson (Andrew Henry), Will Poulter (Jim Bridger), Forrest Goodluck (Hawk),  Paul Anderson (Anderson) e Lukas Haas (Jones).

Curiosità

La parte dell’orso – almeno in alcune scene, visto che è stato realizzato digitalmente – è stata realizzato dallo stuntman Glenn Ennis, che grazie al suo 1,93 m di altezza doveva replicare il comportamento di una femmina di grizzly. Secondo alcuni, poi, la nota scena dell’attacco dell’orso vedeva il personaggio di Di Caprio soccombere ad un’aggressione sessuale.

il film è stato girato in un arco di tempo di nove mesi. Il lungo periodo di produzione è dovuto alle difficoltà di girare per colpa di alcune condizioni estreme.

Non è vero che Leonardo Di Caprio abbia dormito veramente nella carcassa di un cavallo morto. Quella utilizzata è infatti una carcassa fittizia realizzata per la scena.