Coronavirus Lombardia | Fontana | “Dalla Cina dicono che siamo troppi in giro”

0
7

Attilio Fontana sulla situazione Coronavirus Lombardia: “Le autorità sanitarie cinesi giunte qui in aiuto mi hanno espresso forte preoccupazione”.

Coronavirus Lombardia
Coronavirus Lombardia Foto dal web

La situazione Coronavirus in Lombardia resta sempre estremamente drammatica, con contagiati e morti in aumento costante. Il governatore Attilio Fontana ancora una volta sottolinea come le cose siano sempre ad un passo dal precipitare.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus News | brutte notizie dalla Germania | “Serviranno 2 anni”

In ospedale il personale sanitario, tra medici ed infermieri, sta lavorando da oltre un mese a più non posso, e purtroppo anche a caro prezzo. Infatti anche tra i dipendenti ospedalieri si registrano tantissimi casi di contagio da Covid-19. Il presidente della Regione Lombardia ha preso parte ad una conferenza stampa ufficiale con accanto a sé (ad un metro di distanza ovviamente) Sun Shuopeng, che ha gestito la crisi sanitaria a Wuhan, nel suo Paese d’origine, fino a riuscire a ripristinare un minimo di normalità da quelle parti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Tiziana Ferrario, giornalista Rai: “Mio figlio colpito da Coronavirus, sputa sangue”

Coronavirus Lombardia, Fontana: “Le autorità cinesi mi dicono che c’è troppa gente in strada da noi”

“Anche lui mi ha detto che qui a Milano sta vedendo troppa gente nelle strade. Troppa gente che ancora fa uso dei trasporti pubblici e quindi favorisce i contatti ravvicinati ed in maniera diretta il veicolare del Coronavirus. E fin troppi sono quelli che escono di casa in generale. Inoltre sono pochi coloro che si proteggono con le mascherine. Lui è qui per darci dei preziosi consigli, e ci ha detto che le misure in atto sono troppo poco rigide. La gente deve capire che c’è il bisogno assoluto di restare in casa. Altrimenti da questa situazione ne usciremo molto tardi”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia | ubriaca tossisce sui poliziotti al controllo