Home News Vittoria Colizza, chi è la fisica che vive a Parigi: carriera e...

Vittoria Colizza, chi è la fisica che vive a Parigi: carriera e curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:56
CONDIVIDI

Carriera e curiosità su Vittoria Colizza, chi è la fisica che vive a Parigi, dove dirige un laboratorio d’eccellenza che studia le epidemie.

(screenshot video)

Vittoria Colizza ha completato gli studi universitari in Fisica all’Università di Roma Sapienza, in Italia, nel 2001 e ha conseguito il dottorato di ricerca in Fisica statistica e biologica presso la Scuola internazionale di studi avanzati di Trieste.

Leggi anche –> Maria Capobianchi, chi è il direttore del laboratorio di Virologia dell’Istituto Spallanzani

Classe 1978, dirige attualmente a Parigi un laboratorio d’eccellenza che studia le epidemie con modelli matematici, e ora è in prima linea sul Coronavirus.

Leggi anche –> Chi è Francesca Colavita | assunta dopo aver isolato il Coronavirus

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è la scienziata italiana Vittoria Colizza: ricerche sul Coronavirus

Dopo gli studi in Italia, ha trascorso 3 anni presso la Indiana University School of Informatics di Bloomington. Nel 2007 è entrata a far parte della Fondazione ISI a Torino, in Italia. Nel 2011, Vittoria Colizza si è trasferita a Parigi, presso l’INSERM (Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica). Nell’istituto francese, si occupa di malattie epidemiologiche e nel 2017 è stata promossa direttrice della ricerca presso INSERM.

La giovane scienziata italiana lavora sulla caratterizzazione e modellizzazione della diffusione di malattie infettive emergenti, integrando metodi di sistemi complessi con altri approcci. Fondamentale il lavoro suo e dei suoi collaboratori sul Coronavirus. Vittoria Colizza ha raccontato a ‘Io Donna’: “Da gennaio abbiamo pubblicato già tre ricerche sul Coronavirus: l’ultima è sui casi importati e non identificati. Abbiamo tracciato i primi 300 casi confermati nel mondo fuori dalla Cina, includendo sia quelli importati, sia i clusters (cioè i focolai) che ciascuno di essi ha generato (alcuni non ne hanno generati)”.