Home News Napoli, fuga degli operatori sanitari dal Cardarelli: “Per loro solo commiserazione”

Napoli, fuga degli operatori sanitari dal Cardarelli: “Per loro solo commiserazione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:47
CONDIVIDI

Il direttore del dipartimento emergenze del Cardarelli ha denunciato la diserzione di massa di 249 operatori sanitari in malattia per la paura del Covid-19.

Il contagio di Coronavirus continua a diffondersi per tutta Italia e anche in Campania comincia ad essere preoccupante. Nella Regione del sud Italia sono 423 i contagiati, 258 dei quali solamente nel napoletano. Se la situazione dovesse peggiorare nei prossimi giorni ci sarà bisogno dell’aiuto di tutti i medici e degli operatori sanitari. Aiuto che potrebbe non giungere visto il contenuto della denuncia di Ciro Mauro, direttore del Dipartimento Emergenze dell’Ospedale Cardarelli.

Leggi anche ->Coronavirus, morto il medico Marcello Natali: era segretario della Fimmg

Il medico, infatti, spiega che ben 249 operatori sanitari si sono messi in malattia negli ultimi giorni. In questo caso, però, il Coronavirus sembra non essere la causa: “Penso a tutti gli operatori che sono al loro posto e penso anche a quelli che si nascondono dietro un certificato medico fasullo lasciando i colleghi da soli a lavorare. Lo stesso Mauro su Facebook aggiunge: “Non abbiamo rancore contro questi, solo commiserazione. Il Cardarelli andrà lo stesso avanti conseguendo come al solito i migliori risultati della Sanità campana”.

Leggi anche ->Medico in prima linea contro il Coronavirus: non posso più abbracciare mia figlia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, De Magistriis tuona contro gli operatori sanitari che disertano

Il comportamento denunciato dal Cardarelli di Napoli, uno degli ospedali più importanti del sud Italia, stride con quello dei colleghi nelle altre parti d’Italia. Infuriato per la situazione il sindaco di Napoli Luigi De Magistriis: “Questa è una guerra in cui molti soldati stanno combattendo in prima linea senza elmetto, senza giubba e anche senza armi. Questi sono i nostri eroi. Poi ci sono i vigliacchi, i traditori, quelli che scappano. Questi vanno colpiti. Per me a chi adesso abbandona il campo di battaglia non va fatto il procedimento disciplinare ma va licenziato”.