Coronavirus mascherine | farmacisti le vendono al +3000%

0
5

Sono fin troppi i disonesti che, in piena emergenza Coronavirus vendono mascherine ed altro materiale sanitario a prezzi rincarati. Anche farmacisti.

Coronavirus mascherine
Coronavirus mascherine sequestrate dalla Guardia di Finanza FOTO viagginews

La Guardia di Finanza ha scoperto in più occasioni delle truffe legate all’emergenza Coronavirus, con mascherine ed altro materiale sanitario utile nello specifico che venivano venduti a prezzi ingiustificatamente mascherati.

LEGGI ANCHE –> Madre separata dal figlio che sta morendo perché il fratello ha il Coronavirus

Il prezzo normale di una mascherina protettiva va dagli 80 centesimi ai 2 euro, ma in alcune situazione le Fiamme Gialle hanno constatato come i disonesti sciacalli di turno le proponessero addirittura anche a 120 euro al pezzo. Anche dei farmacisti hanno provato ad approfittarne. Nelle diverse operazioni svolte dai finanzieri – come da polizia e carabinieri – ad oggi ammontano a circa 100mila le mascherine anti Coronavirus sequestrate. A compiere gli illeciti in particolar modo piccole attività commerciali, comprese farmacie e parafarmacie. Nei casi emersi, i titolari devono ora rispondere delle accuse per le quali hanno ricevuto una denuncia. Ed in particolar modo dei reati di manovre speculative su merci e frode in commercio. Anche disinfettante per le mani e guanti subivano un rincaro da speculatori.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Lombardia, controllo tramite cellulari: il 40% non sta a casa

Coronavirus mascherine, tanti i farmacisti disonesti denunciati

La cosa è accaduta in egual misura tanto al Nord quanto al Sud. A Torino le forze dell’ordine hanno sequestrato 8mila maschere, con circa 50 denunce. Alcune di queste hanno riguardato degli amministratori di società per manovre speculative. Dopo avere constatato come i prezzi fossero aumentati fino al 500%. Situazione simile a Milano, con prezzi rincarati ‘solo’ fino al 400% da parte di titolari di aziende di prodotti sanitari. A Siena un farmacista speculatore vendeva 10 mascherine in scatola a 10 euro complessivi. Da qualche settimana aveva iniziato poi a vendere una singola mascherina sempre allo stesso prezzo. E senza alcuna scatola o confezione protettiva.

Illeciti odiosi in tutta Italia

A Guidonia, presso Roma, il titolare di una farmacia vendeva le mascherine a 35 euro l’una. A Napoli denunciato dai vigili un altro farmacista che in via Chiaia metteva in vendita la propria merce sempre per rincaro dei prezzi mostruoso ed ingiustificato. Infine a Bari sequestrati 30mila prodotti sanitari venduti fino al 3000% del loro prezzo originario.

LEGGI ANCHE –> Francia, virologo trova una possibile cura al Coronavirus