Home News Italiani in Russia comprano l’Abidol: “Perché in Italia non lo vendono?” –...

Italiani in Russia comprano l’Abidol: “Perché in Italia non lo vendono?” – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:23
CONDIVIDI

Due italiani comprano in una farmacia russa l’Abidol, chiedendosi come mai in Italia non lo vendano. Ma nonostante quello che pensano, non esiste un farmaco efficace per il Coronavirus.

Su Facebook sta girando un video che mostra due italiani all’aeroporto di Mosca che vanno a comprare l’Abidol. Si tratta di uno dei farmaci utilizzati nelle sperimentazioni per contrastare il Coronavirus. I due fanno una specie di video inchiesta per dimostrare che questo farmaco è normalmente in vendita in qualsiasi farmacia russa e si chiedono come mai in Italia non si trovi.

Leggi anche ->Coronavirus, le emozioni dai balconi – VIDEO

Posto in questa maniera sembra che l’Abidol sia la soluzione al contagio da coronavirus e che l’Italia, per qualche ragione sconosciuta, non lo voglia vendere agli italiani. Insomma è come se questi due turisti vogliano intendere che c’è qualcosa di marcio, qualcosa che in Italia ci nascondono. Tanto che alla fine chiedono a chi dovesse vedere il video: “Voi mi potete dire come mai in Italia sono morte così tante persone per questa cosa? Per questo farmaco che noi non abbiamo e loro invece hanno?”.

Leggi anche ->Coronavirus, novità sul primo farmaco: “Pronto, ma serve tempo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, video Russia: al momento non esistono farmaci dall’efficacia comprovata

Non lasciatevi abbindolare da simili filmati. Nel corso di questi mesi di lotta al Coronavirus sono stati testati diversi tipi di farmaci sui pazienti affetti dal Covid -19. Non solo l’Abidol ha avuto in alcuni casi un effetto positivo. Ogni volta che un farmaco funziona con uno o più pazienti, l’Oms ne testa la validità su larga scala, allo scopo di verificare se la guarigione è stata un caso singolo o il farmaco possa essere valido per tutti. Qualora fosse stato trovato un farmaco realmente efficace per tutti, sarebbe certamente utilizzato dai medici che giorno e notte lavorano nella speranza di salvare qualcuno ed il sistema sanitario nazionale non sarebbe al collasso. La situazione è già abbastanza grave così, senza bisogno di instillare dubbi o di muovere accuse insensate al governo e alle istituzioni che cercano di salvarci la vita.