Moglie generosa regala al marito in punto di morte uno dei suoi reni

0
6

Una moglie coraggiosa ha deciso di regalare al marito, affetto da una grave malattia, uno dei suoi reni per il 50° compleanno.

Ci sono gesti che non hanno prezzo e che sono qualcuno che prova un sincero amore è in grado di compiere. Questo è sicuramente il caso di Tracy, donna britannica che ha deciso di privarsi di uno dei suoi reni per permettere al marito di avere una vita migliore e più chance di sopravvivere. Per capire l’importanza di questo gesto non c’è forse bisogno di spiegare altro, ma raccontare questa storia riempe l’animo di speranza nei confronti del genere umano.

Leggi anche ->L’Italia Chiamò, in streaming la maratona video del Mibact con il mondo della cultura

Nell’ottobre del 2018 i medici hanno diagnosticato a Stephen Kelsey una malattia rara. Si tratta della Vascolite Anca, una malattia autoimmune che causa il raddoppio dei globuli rossi e la conseguente insufficienza di alcuni organi. I più colpiti sono solitamente i reni, motivo per cui l’uomo era costretto da oltre un anno ad affrontare 4 ore di dialisi al giorno.

Leggi anche ->Roma, muore il runner investito da un ubriaco: il nobile gesto dei familiari

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Moglie regala un rene al marito malato

Vedendo il marito soffrire quotidianamente e conscia del fatto che senza un trapianto le sue chance di sopravvivere si abbassavano giorno dopo giorno, la moglie ha deciso di dargli una mano. La donna, infatti, si è fatta visitare per scoprire se il suo organo potesse essere compatibile per il trapianto in gran segreto. Quando i medici le hanno dato il responso positivo ha dato l’assenso per il trapianto, ma ha atteso il giorno del 50° compleanno del marito per comunicarlo.

Un regalo che non ha prezzo e per il quale l’uomo è al contempo riconoscente e preoccupato: “Ci sono state volte che ho desiderato morire – spiega l’uomo – Così, quando Tracy mi ha detto che c’era una corrispondenza sono scoppiato in lacrime”. Sull’operazione ha poi aggiunto: “E’ stata la cosa più ardua della mia vita. Mi sentivo completamente mortificato poiché stavo mettendo in pericolo di vita qualcuno che amo”.