Gerry Scotti senza parole, l’effetto Coronavirus: “Impressionante…”

0
5

Il Coronavirus ha scombussolato le abitudini di Gerry Scotti, oltre che la programmazione di Striscia la Notizia: ecco come. 

Tra i tanti programmi tv che in questi giorni stanno facendo le spese dell’emergenza Coronavirus (seppur in misura minore rispetto ad altri) c’è anche Striscia la Notizia. Ne ha parlato proprio oggi ai microfoni di Un giorno da pecora Gerry Scotti. Il celebre conduttore ha definito “impressionante” il fatto che in studio non ci sia nessuno: “Ci guardiamo in faccia io e i tecnici da lontano e i tre cameraman in fondo. Ci sono cose ben più dure in questo momento ma lasciatemi dire che è impressionante”. Tant’è.

Leggi anche –> Gerry Scotti, chi è: età, carriera e vita privata del conduttore 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La vita di Gerry Scotti stravolta dal Coronavirus

Interpellato dal programma cult di Rai Radio1, Gerry Scotti ha anche spiegato come si è organizzata la trasmissione di Antonio Ricci: contatti ridotti a zero, con l’unica eccezione di Michelle Hunziker (ma a due metri di distanza). “Sto chiuso in casa come tutti – ha detto il Gerry Nazionale –, a una certa ora esco imbacuccato, arrivo a Cologno, mi provano la febbre, mi accompagnano degli uomini con le mascherine e mi portano in una stanza, che è stata disinfestata. L’unico contatto, a due metri di distanza, è Michelle Hunziker”.

E non è tutto: la vita stessa di Gerry Scotti infatti è cambiata. “Ho riscoperto il piacere dei giochi da tavola – ha ammesso il Nostro -. L’ultima partita l’ho fatta ieri a Trivial e ho perso”. Ma per ora non si registra per fortuna alcun aumento di peso: “Tutti gli anni faccio un fioretto a cavallo di maggio per una mia devozione nei confronti della Madonna: prendo una cosa che mi piace e la tolgo. Quest’anno mi sembrava il caso di anticipare e ho deciso di prendere una piega vegetariana: sto provando a non mangiare carne…”.

Leggi anche –> Coronavirus Italia, verso i 30mila contagi: aumentano le vittime

EDS