Filippo Anelli: chi è il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici

0
13

Filippo Anelli è il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui.

Filippo Anelli, già presidente dell’Ordine dei Medici di Bari. E’ stato eletto all’inizio del 2018 all’unanimità (a parte la sua scheda lasciata bianca come da galateo) come presidente della Fnomceo, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Filippo Anelli

Filippo Anelli è nato a Noicattaro (Bari) il 15 aprile 1957. Nel 1982 si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università
degli Studi di Bari con 110/110. Nel 1986 ha conseguito la Specializzazione in Reumatologia e nel 1989 quella in Farmacologia Clinica presso lo stesso ateneo. Nel 1994 ha inoltre ricevuto l’attestato di esito positivo dell’esame finale della Scuola
di formazione all’impegno sociale e politico dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto (biennio) presso l’Istituto di Scienze Religiose “Odegitria”
di Bari, e nel 1996 il titolo di Animatore di Formazione in Medicina Generale presso la Scuola Europea di Medicina Generale di Firenze.

All’attività di medico di medicina generale a Noicattaro, Filippo Anelli ha da molti anni affiancato un’intensa attività di docenza e partecipazione a corsi, convegni e congressi, con numerose pubblicazioni all’attivo. Già segretario della Fimmg, la Federazione dei medici di famiglia, oltre che presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, è attualmente presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo).

Per quanto riguarda la vita privata, sappiamo che la moglie di Filippo Anelli, Giulia Monteleone, è scomparsa la mattina del 19 settembre 2019 dopo una lunga e difficile malattia. A darne l’annuncio è stato lui stesso: “Giulia non c’è più! Una lunga malattia l’ha portata via. Averla accanto è stato il dono più grande che il Padre Eterno mi ha dato. Ora sento solo un vuoto incolmabile. Un gesto d’amore, un atto di bontà è quello che avrebbe voluto ed è quello che vi chiedo in suo ricordo”.

EDS