Home News Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, positivo al Coronavirus

Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, positivo al Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:16
CONDIVIDI

Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri positivo al Coronavirus dopo esser stato alcuni giorni fa in contatto con un “sospetto positivo”.

(screenshot video)

C’è un secondo caso di Coronavirus nelle file del governo italiano. Si tratta del viceministro della Salute Pierpaolo Sileri positivo al Coronavirus dopo esser stato alcuni giorni fa in contatto con un “sospetto positivo”.

Leggi anche –> Coronavirus, nuova fuga verso il Sud Italia: ignorate le misure di sicurezza

Lo rende noto lui stesso, su Facebook, affermando di essersi messo in isolamento “appena mi sono accorto di avere dei sintomi”. Poco prima aveva annunciato di avere il Coronavirus un altro membro dell’esecutivo, Anna Ascani, viceministro dell’Istruzione.

Leggi anche –> Coronavirus, festa di laurea in ospedale a Roma: nove medici contagiati

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Chi è Pierpaolo Sileri, il viceministro positivo al Coronavirus

Anna Ascani, altro membro del governo positivo (Youtube)

Queste le parole di Sileri affidate a Facebook: “Ho seguito da subito tutti i protocolli come indicato dal ministero. Mia moglie ed il piccolo stanno ancora bene e, seppur nella stessa casa, abbiamo diviso gli ambienti. Io e mia moglie siamo tornati a telefonarci come all’inizio della nostra storia! e ci facciamo forza insieme. Inoltre ho attenzionato tutti miei collaboratori e le persone con cui sono venuto in contatto, sempre come da protocolli sanitari. Tutti stanno bene”.

Laureato in medicina presso l’Università di Roma Tor Vergata dove consegue la specializzazione in Chirurgia dell’apparato digerente e il Dottorato di ricerca in Robotica e scienze informatiche applicate alla chirurgia, Sileri è stato il membro dell’esecutivo che all’inizio della crisi si recò a Wuhan. Fu infatti il coordinatore di un team di medici e infermieri nella missione che consentirà il recupero di 56 connazionali italiani, tranne un adolescente di nome Nicolò, che è rientrato in Italia solo in un secondo momento.