Home News Coronavirus, superati i 20mila contagi in Italia: i dati aggiornati

Coronavirus, superati i 20mila contagi in Italia: i dati aggiornati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:31
CONDIVIDI

Superati i 20mila contagi da Coronavirus in Italia: i dati aggiornati di questo pomeriggio, quasi 1.500 le vittime, netto aumento dei guariti.

(VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

Ancora una volta è drammatico il bollettino della protezione civile sui casi di contagio in Italia: se ne contano 2.795 in più in un solo giorno e almeno fino agli inizi della settimana prossima sembra difficile vedere una controtendenza.

Leggi anche –> Coronavirus, novità sul primo farmaco: “Pronto, ma serve tempo”

1.441 le vittime complessive dall’inizio dell’epidemia in Italia, esattamente tre settimane fa, 175 in un solo giorno. I numeri vengono riferiti dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, in conferenza stampa.

Leggi anche –> Farmaco anti Coronavirus distribuito gratis negli ospedali italiani

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

20mila contagi da Coronavirus in Italia: la situazione

(Chung Sung-Jun/Getty Images)

L’unico dato positivo è quello dei guariti: +527 in un giorno (1.966 in tutto). In tutto il mondo si è ora superata la soglia dei 150mila contagi e il dato è destinato a crescere in maniera netta nei prossimi giorni. Il dato preoccupante in Italia riguarda soprattutto la Lombardia, dove ora ci sono oltre 700 pazienti in terapia intensiva. Intanto le singole regioni corrono ai ripari. Da oggi chiunque rientri in Puglia, “da ogni parte d’Italia o del mondo”, dovrà autosegnalarsi e restare in isolamento a casa per almeno 14 giorni, secondo una nuova ordinanza del governatore Michele Emiliano.

Non mancano ancora una volta le polemiche e il capo della Protezione Civile prova a gettare acqua sul fuoco, rilevando in conferenza stampa: “Ci sono in corso polemiche destituite di ogni fondamento e quindi mi auguro che anche da parte di tutte le restanti istituzioni si possa esser coesione. Siamo di fronte ad una grande pandemia, dobbiamo lavorare tutti insieme senza polemiche”. Tra coloro che polemizzano in queste ore c’è l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera: “A noi servono mascherine del tipo Fpp2 o Fpp3 o quelle chirurgiche e invece ci hanno mandato un fazzoletto, un foglio di carta igienica, di Scottex”.