Elenco dei negozi chiusi per Coronavirus fino al 25 marzo e chi resta aperto

0
3

Quali sono i negozi chiusi per Coronavirus e quali invece continueranno a svolgere normalmente le proprie funzioni per decreto del Governo.

Coronavirus negozi chiusi
Coronavirus negozi chiusi ed aperti fino al 25 marzo FOTO viagginews

Tra le misure intraprese dal Governo per fare fronte all’emergenza Coronavirus che ha colpito l’Italia c’è la chiusura per le prossime due settimane di tutti quei negozi e quelle attività commerciali che non sono ritenute di primaria necessità.

LEGGI ANCHE –> Conferenza stampa Giuseppe Conte: Coronavirus, le nuove misure prese

Una iniziativa che si rende necessaria allo scopo di frenare quanto più possibile la diffusione del virus Covid-19, che risulta essere molto facilmente veicolabile di persona in persona. Il decreto Coronavirus sui negozi chiusi garantisce però alcuni servizi di base essenziali. Resteranno infatti aperti tutti i negozi di generi alimentari e le farmacie. E per il momento anche altri. Più nello specifico di questo provvedimento, risultano sospesi fino al prossimo 25 marzo tutte le attività al dettaglio. Come detto, fanno eccezione quelle di generi alimentari e di prima necessità.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Corea del Sud con una bassissima mortalità da Coronavirus | come ha fatto

Coronavirus negozi chiusi, la lista e chi resta aperto

La cosa vale tanto per i negozi tradizionali quanto per i centri commerciali. Stop anche ai mercati rionali. Restano aperti farmacie, parafarmacie, edicole e tabaccai. Come anche gli esercizi di rifornimento cibo, alimenti, generi di prima necessità, aree di servizio e rifornimento carburante. Chiusi invece bar, ristoranti, pub, gelaterie, pasticcerie, servizi di mensa e tutte quelle attività legate alla ristorazione. Mentre è invece garantito il servizio a domicilio. Resteranno con la serranda abbassata pure parrucchieri, barbieri, centri estetici. Garantiti garantiti i servizi postali, bancari, finanziari, assicurativi, e quelli del settore agricolo e zootecnico. Nel caso di contatto diretto tra il personale di quest’ultimi ed i clienti (come nel caso degli uffici postali, n.d.r.) ci sarà un ingresso selezionato ad un totale di persone per volta.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: tra quanto tempo sarà pronto un vaccino – VIDEO