Juve-Inter, baci e abbracci durante l’incontro: i calciatori violano il decreto

0
5

Durante il big match tra Juve e Inter i calciatori si sono baciati e abbracciati, violando di fatto il divieto imposto dal governo nei giorni scorsi.

Come spesso capita durante le partite di maggiore importanza, ieri sera i calciatori della Juve hanno letteralmente sotterrato il compagno Paulo Dybala dopo il gol del due a zero. La tensione per l’incontro era alle stelle non solo perché la partita permetteva ai bianconeri di riconquistare la testa della classifica, ma anche perché negli scorsi giorni era stata accompagnata da furenti polemiche.

Leggi anche ->Coronavirus, sanzioni e arresto per chi viola i divieti: cosa si rischia

Quando l’argentino, dunque, ha fatto quel gol da cineteca (ha dribblato 2-3 avversari dopo un controllo al volo magistrale), l’esplosione dei suoi compagni di squadra è stata la naturale conseguenza. Nulla di diverso da quanto succede solitamente in circostanze del genere: c’è chi l’ha abbracciato, chi lo ha baciato ed alla fine c’è stata una vera e propria ammucchiata. Gigi Buffon gli ha persino urlato tutta la sua gioia per diversi secondi a pochi centimetri dalla faccia.

Leggi anche ->Stop al campionato di Serie A per Coronavirus, la decisione in questi minuti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Juve-Inter: calciatori violano il divieto di contatto, la Serie A è da fermare?

In molti sul web hanno sottolineato questo episodio, lamentandosi che per i calciatori della Serie A i divieti imposti a tutti gli italiani non valgano. C’è ad esempio chi scrive: “Vedo che i giocatori della #Juventus rispettano la direttiva che vieta i contatti.
Scusatevi immediatamente con i tifosi, incoscienti”. La verità, però, è che trattandosi di uno sport di contatto, esultanze eccessive a parte, evitare che i calciatori violino il decreto è praticamente impossibile. Probabilmente in questo momento sarebbe meglio fermare anche il campionato, come suggerito dal ministro dello Sport e come ribadito ieri sera dal presidente del Coni, Giovanni Malagò.