Home News Coronavirus, sanzioni e arresto per chi viola i divieti: cosa si rischia

Coronavirus, sanzioni e arresto per chi viola i divieti: cosa si rischia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30
CONDIVIDI

Il governo ha predisposto delle sanzioni ed il possibile arresto per chi viola i divieti di uscire dalle zone di quarantena: ecco cosa si rischia.

Con il decreto firmato sabato, il governo ha liberato le zone rosse del lodigiano e del padovano, ma ha istituito una grande zona di sicurezza che comprende tutta la Lombardia e altre 14 province. L’uscita e l’ingresso da questa zona di sicurezza sarà permesso solamente a chi dimostra di avere necessità di farlo per ragioni lavorative o per problemi di salute. Sarà quindi cura dei cittadini dimostrare con un’autocertificazione sia la necessità dello spostamento che lo stato di salute. Chiunque, infatti, presenti dei sintomi o sia risultato positivo al test del Covid-19, non potrà spostarsi in ogni caso.

Leggi anche ->Coronavirus, stop ai voli Alitalia da Malpensa

Il flusso di traffico verrà canalizzato e gestito all’uscita dalle zone di sicurezza dalle forze di polizia. Sarà dunque cura degli agenti verificare che i cittadini abbiano una certificazione che attesti il loro stato di salute e la motivazione del viaggio. Nonostante il certificato sarà possibile per gli agenti fare delle contro analisi. Qualora il risultato del test di verifica non corrisponda con quanto segnalato dal cittadino, saranno possibili sanzioni e  persino un arresto di 3 mesi.

Leggi anche ->Coronavirus Italia | sperimentato con successo farmaco per artrite reumatoide

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus: cosa si rischia se si violano i divieti

Come spiegato sopra chiunque venga beccato a violare i divieti, cercando di passare le zone di controllo con un certificato falso rischia una sanzione di 206 euro ed il carcere fino a 3 mesi. Il Governo sta valutando anche di approvare un potenziamento delle sanzioni prevedendo per il mancato rispetto del divieto il reato di delitto colposo contro la salute pubblica. Gli spostamenti saranno pertanto vietati a tutti coloro che non hanno esigenze di salute o lavorative sia all’interno che all’esterno della zona di sicurezza. Ma sarà permesso a chi si trovava fuori dalle due zone rosse precedentemente indicate di tornare alla residenza.