Home News Coronavirus Italia | l’esperto tuona | “Chiudetevi in casa una buona volta”

Coronavirus Italia | l’esperto tuona | “Chiudetevi in casa una buona volta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00
CONDIVIDI

Dal Policlinico di Milano fanno sapere che è una necessità stare chiusi in casa per 15 giorni: “Ci sono prove che indicano che supereremo la crisi Coronavirus Italia solo così”.

Coronavirus Italia
Situazione Coronavirus Italia molto critica FOTO viagginews

La situazione Coronavirus Italia è diventata molto grave nella zona rossa. Che ora si è estesa a buona parte del Nord Italia, con l’intera Lombardia ed altre 14 province tra Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto e Marche.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia zona rossa | cambiano le cose a Codogno e Vo’

In merito a quanto sta succedendo, parla ora Antonio Pesenti, direttore del Dipartimento di Anestesia, Rianimazione ed Emergenza Urgenza del Policlinico di Milano. Il dottor Pesenti è severo nel suo giudizio. “La gente non ha capito che deve restare chiusa in casa senza andare in giro. Non ci devono essere contatti. E basterebbe anche poco. In base ad alcune simulazioni, abbiamo riscontro che 15 giorni di comportamento coscienzioso nel pieno rispetto delle regole stabilite potrebbero contribuire a fermare tutto questo”. Parole rilasciate all’AdnKronos Salute.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Nicola Porro ha il Coronavirus | le condizioni del giornalista

Coronavirus Italia, Pesenti: “La gente non ha ancora capito la gravità della situazione”

Proprio Pesenti è a capo della Unità di crisi della gestione delle terapie intensive. “La popolazione purtroppo non ha ancora preso piena consapevolezza di quanto sta succedendo con la situazione Coronavirus Italia. Alla stazione di Milano Centrale c’è ancora folla, alle 08:00 del mattino. E lo stesso vale per i bus”. Nello scorso fine settimana la movida nella stessa Milano non si è fermata, anzi. In moltissimi hanno agito come se niente fosse, dando prova di non essersi informati su ciò che di grave è in corso e di non avere compreso il reale stato delle cose. E così c’è chi è montato in tutta fretta sul primo treno disponibile per scendere verso il Sud Italia. E chi, da Veneto e Lombardia in particolare, si è spostato verso il Trentino-Alto Adige per andare a sciare. Atteggiamenti che non vanno affatto tenuti e che finiscono con il mettere in pericolo in tanti.