Home News Il Commissario Montalbano: anticipazioni puntata 9 marzo 2020

Il Commissario Montalbano: anticipazioni puntata 9 marzo 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30
CONDIVIDI

Il Commissario Montalbano: tutte le anticipazioni sulla puntata di lunedì 9 marzo che riporta sul piccolo schermo uno dei personaggi più amati di tutti i tempi.

il commissario montalbano

Era il 1999 quando per la prima volta andò in onda quello che poi sarebbe diventato un culto, ovvero Il Commissario Montalbano. Interpretato da sempre da Luca Zingaretti, il personaggio nato dalla penna di Andrea Camilleri – scomparso di recente – ha riscosso nel tempo sempre maggiore successo, tanto da registrare il record di ascolti. La serie ritorna in due puntate evento lunedì 9 marzo e lunedì 16 marzo su Rai Uno. Certo, sarà orfana di due figuri fondamentali nella sua storia: oltre a Camilleri infatti non ci sarà il regista Alberto Sironi, anch’egli scomparso lo scorso 9 agosto. Vediamo insieme le anticipazioni del primo dei due episodi, “Salvo amato, Livia mia”.

Leggi anche –> Luca Zingaretti addio al Commissario “Devo pensare”

Il Commissario Montalbano: anticipazioni 9 marzo

Nel primo dei due episodi in onda lunedì 9 marzo, “Salvo amato, Livia mia”, il Commissario Montalbano dovrà indagare sulla morte di Agata Cosentino, un’amica di Livia, la storia fidanzata di Salvo. La donna infatti viene ritrovata in un corridoio dell’archivio comunale: si tratta probabilmente di una violenza sessuale sfociata in omicidio, anche se questa ipotesi non convince Montalbano che inizia la sua indagine indagando nella vita privata della vittima.

Il commissario capisce subito che la povera Agata era una cara amica che Livia aveva conosciuto a Genova, dove la donna aveva lavorato per un paio di anni prima di trasferirsi di nuovo a Vigàta, assunta all’archivio comunale. Agata, timida e riservata, aveva un ristretto cerchio di amicizie sulle quali però si concentrerà  l’indagine di Montalbano, perché gli è presto chiaro che ad ucciderla è stato qualcuno di cui la vittima si fidava.