Coronavirus, Piero Angela: “Oggi l’Italia è il Paese più sicuro di tutti”

0
2

Ospite dello speciale di ‘Porta a Porta’ sul Coronavirus, Piero Angela ha rassicurato gli italiani spiegando che l’Italia al momento è il Paese più sicuro.

Ieri sera su Rai Uno, al posto de ‘La Corrida’, è andato in onda uno speciale di ‘Porta a Porta‘ sul Coronavirus. Ospite prestigioso del programma condotto da Bruno Vespa c’era il divulgatore scientifico Piero Angela. Interrogato sulle misure drastiche applicate dal governo, il conduttore di ‘Superquark’ ha spiegato: “Queste misure che sono state prese ad alcuni sembrano eccessive e drastiche come chiudere università, scuole persino chiese e non vorrei essere nei panni di chi deve prendere questa decisioni”.

Leggi anche ->Coronavirus, la Protezione civile può espropriare e requisire immobili

Insomma Piero Angela sottolinea come prendere simili decisioni non sia semplice ed è chiaro che averlo fatto non solo limita la libertà dei cittadini, ma comporta un danno economico. Ciò nonostante il divulgatore scientifico ritiene che le scelte prese siano giuste: “L’Italia ha dimostrato non solo di essere capace di guarire i pazienti affetti da coronavirus, compresi dei cinesi che son venuti Roma e che stavano molto male, e questo significa che c’è una eccellenza sanitaria, ma ha preso anche delle misure drastiche che nessun paese ha mai preso”. Quindi aggiunge: “Per questo oggi paradossalmente è il Paese più sicuro anche se viene considerato quello più a rischio”.

Leggi anche ->Coronavirus, Spadafora chiede la trasmissione in chiaro dei match di Serie A

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Piero Angela: “Io non ho paura”

Tale ragionamento serve a Piero Angela per fare capire agli italiani che nonostante i numeri dei contagi siano in continuo aumento, il governo sta agendo bene e il nostro sistema sanitario si è dimostrato all’altezza. Questi due elementi dovrebbero bastare a rassicurare tutti, poiché dimostrano che non c’è nulla da temere. Quando gli viene chiesto se avesse paura di un contagio, il divulgatore ha risposto: “Io non ho assolutamente paura. Giro tranquillamente per l’Italia, sono stato nel Veneto qualche giorno fa partecipando a un incontro con centinaia di persone. Mia figlia è appena tornata da Venezia ed è tranquillissima”.