Home News Governo Conte: stop referendum e 7,5 miliardi per emergenza Coronavirus

Governo Conte: stop referendum e 7,5 miliardi per emergenza Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45
CONDIVIDI

Stop al referendum sul taglio dei parlamentari e 7,5 miliardi per emergenza Coronavirus a famiglie e imprese: le scelte del governo Conte.

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

“Abbiamo stanziato 7,5 miliardi a sostegno delle famiglie e delle imprese che stanno affrontando quest’emergenza”, così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa dopo il CdM dedicato al Coronavirus.

Leggi anche –> Coronavirus, cosa prevede il nuovo decreto del governo

Quindi sulla chiusura delle scuole e delle università: “Non è stata una scelta facile quella di chiudere le scuole, che ha un impatto sia sulle famiglie che sulle imprese. Significa anche acclarare che l’Italia sta vivendo un’emergenza”.

Leggi anche –> Scuole chiuse oltre il 15 marzo per Coronavirus, si va verso la proroga

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La conferenza stampa del governo Conte sul Coronavirus

coronavirus scuole conte
Coronavirus scuole Conte parla agli italiani FOTO viagginews

Per Conte, dobbiamo ragionare con il “principio di adeguatezza”, per mettere a punto tutte le “necessarie misure di contenimento”. Al suo fianco il ministro dell’Economia Gualtieri, che ha spiegato come “il governo sta seguendo una soluzione modulare per far fronte a questa emergenza”. Intanto, viene annunciato anche il rinvio del referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari, che era stato indetto per il 29 marzo. “Non c’erano le condizioni e abbiamo predisposto il rinvio, sentiremo i comitati per trovare un’altra data”, afferma a tale proposito Giuseppe Conte.

Da parte dell’Unione Europea, “non ci attendiamo nessuna distonia” tra quella che è l’azione del governo e quello che intenderà fare l’Europa. Infine un commento sui rapporti con l’opposizione: “Se da parte loro ci sono proposte, invito i ministri a tenerle in considerazione. Certo, mi hanno sorpreso certe uscite di qualche esponente delle forze di opposizione. Rimango sorpreso perché chiediamo ai cittadini comportamenti sobri, altrimenti il Paese questa fase non riuscirà a superarla. Certe uscite non le capisco, perché rischiano di danneggiare l’immagine del nostro Paese in questo momento. Si tratta di uno schiaffo a tutti i cittadini, che stanno facendo piccoli e grandi sacrifici”.