Home News Coronavirus, Chiara Biasi shock: “Nessuno che mi sta sul c*** che muore”

Coronavirus, Chiara Biasi shock: “Nessuno che mi sta sul c*** che muore”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:02
CONDIVIDI

Chiara Biasi è finita al centro di una bufera sui social network per aver pubblicato una frase shock sul Coronavirus ed i decessi.

A dicembre l’influencer Chiara Biasi era finita nel mirino degli italiani per aver fatto una clamorosa gaffe durante uno scherzo de ‘Le Iene’. In quella occasione, infatti, aveva detto che lei non per “80 mila euro” non si sarebbe nemmeno mossa dal letto e pettinata. Gli utenti social l’hanno bersagliata, sottolineando che aveva fatto una “Figura di me***“. Altri invece suggerivano di punirla con un defollow di massa.

Leggi anche ->Chiara Biasi magrissima confessa la malattia: sto male da due mesi

Con il passare del tempo l’uscita infelice è stata dimenticata e le critiche sono sparite. A gennaio ad attirare l’attenzione di media e utenti è stata la confessione dell’influencer. Chiara ha infatti rivelato di essere malata da due mesi e che proprio la malattia la fa apparire eccessivamente magra nell’ultimo periodo. Da qualche ora, però, la modella è finita nuovamente nel mirino dei contestatori.

Leggi anche ->Chiara Biasi nella bufera per lo scherzo de Le Iene, cosa è successo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chiara Biasi, la frase shock sul Coronavirus

Come tutti quelli che abitano a Milano, anche per Chiara Biasi il Coronavirus ha comportato una modifica delle abitudini e l’annullamento di diversi impegni lavorativi. Proprio di questo parlava in una chat privata con un amico che ha anche deciso di condividere su Instagram. La bella influencer, secondo quanto riportato da diverse realtà tra cui ‘Tgcom24‘, non si è resa conto che nella chat c’era anche un commento poco misurato sulla malattia: “Nessuno che mi sta sul ca**o che muore”. Quando ha compreso l’errore, Chiara ha cancellato il post, ma a quel punto era troppo tardi, poiché in tanti lo avevano letto ed avevano cominciato a darle contro.