Come funziona la truffa del carburante denunciata dalle Iene – VIDEO

0
9

La truffa del carburante denunciata dalle Iene: come funziona e quali sono gli introiti economici che riuscivano a mettere da parte.

Le Iene “smascherano” nella puntata del 3 marzo 2020 la mafia del carburante: la popolare trasmissione televisiva svela il meccanismo celato dietro su due società venete.

Leggi anche –> Le Iene, la presunta truffa del carburante a basso costo dall’estero

Queste sarebbero coinvolte in un commercio di carburante proveniente da compagnie petrolifere estere, in particolare slovene. L’acquisto avverrebbe attraverso figure intermediarie, veri e propri broker: la truffa consisterebbe nell’evasione dell’IVA.

Leggi anche –> Aereo deve scaricare carburante in volo per avaria | colpite due scuole

Pompa di benzina (iStock)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quanto valeva la truffa del carburante scoperta dalla Finanza

Giovanni Battista Cascone

La frode sul carburante è stata oggetto dell’operazione “Fuel Discount“ della Guardia di Finanza di Pavia. Il giro d’affari denunciato dalle Fiamme Gialle è davvero consistente: 100 milioni di euro sottratti all’Iva, fatture false emesse per 400 milioni di euro e un danno all’erario calcolato in 700mila euro al giorno. Nelle intercettazioni, si sente uno degli indagati ironizzare, parlando di un esoso noleggio di uno yacht: “Tanto c’è zia Iva”.

Secondo le accuse della Finanza, il meccanismo consisteva nell’acquisto di combustibile, tramite società cosiddette “cartiere” da operatori con sede in Repubblica Ceca, Cipro, Croazia, Romania e Slovenia poi, grazie ad un giro di fatture false, rivenderlo in Italia a diversi clienti. Il tutto evadendo l’Iva prevista nel nostro Paese.

Accise sulla benzina